HIV sta per Virus da Immunodeficienza Umana, ed è l’agente eziologico dell’AIDS. Il virus distrugge le cellule del sangue che sono indispensabili per il corretto funzionamento del sistema immunitario, la cui funzione è di difendere l’organismo dalle malattie. AIDS è invece l’acronimo di Sindrome da Immunodeficienza Acquisita e si manifesta quando il sistema immunitario è talmente indebolito dall’HIV che l’individuo è soggetto a un gran numero di malattie o infezioni, denominate “opportunistiche”. I primi casi di malattia furono riportati nel 1981, l’anno successivo vennero stabilite le modalità di trasmissione e nell’85 entrò in commercio il Test HIV per scoprire il virus nel sangue, poi sostituito da uno più rapido nel 1991. Nei primi anni non esistevano terapie, poi, col tempo, le cose sono molto cambiate: le terapie sono nate e si sono evolute, tuttavia non esiste ancora né un vaccino per evitare il contagio né una cura per eliminare del tutto il virus.
Il codice di esenzione dell'infezione da HIV è 020 (Malattie croniche).

Per approfondimenti clicca qui.

Approvazione

Il medicinale potrà essere usato in combinazione con altri antiretrovirali per il trattamento di pazienti con resistenza multifarmaco

La Commissione Europea ha autorizzato l’immissione in commercio di fostemsavir 600mg (in compresse a rilascio prolungato) per l’impiego in combinazione con altre terapie antiretrovirali (ARV) nel trattamento di adulti con infezione da HIV-1 multifarmaco resistente per i quali non è altrimenti possibile strutturare un regime antivirale soppressivo. Fostemsavir è un inibitore dell’attachment, agisce nella prima fase del ciclo di vita dell’HIV e dimostra di non avere cross-resistenza ad altre classi di antiretrovirali attualmente autorizzate, offrendo quindi una nuova opzione di trattamento alle persone con resistenza multifarmaco e a rischio di progressione della malattia e morte.

Approvazione

Il farmaco è autorizzato per l’impiego in combinazione con cabotegravir

Beerse (BELGIO) – L’azienda farmaceutica Janssen ha annunciato l'approvazione, nell'Unione Europea, di rilpivirina iniettiva, in combinazione con cabotegravir iniettivo e compresse, per il trattamento dell'infezione da HIV-1 negli adulti in soppressione virologica. Con questa autorizzazione, per la prima volta le persone affette da HIV in Europa possono ricevere un trattamento iniettabile a lunga durata d'azione che elimina la necessità di assumere quotidianamente compresse orali.

Vaccino

Secondo fonti dell’istituto scientifico Vektor, il farmaco sembra sicuro e in grado di indurre una risposta immunitaria specifica per il virus

La Federazione Russa ha annunciato la raggiunta efficacia del vaccino anti-HIV su cui l'istituto scientifico Vektor di Mosca aveva iniziato la ricerca nel 2011. A darne notizia è l'agenzia di stampa russa Interfax che cita fonti dell'istituto stesso, secondo cui “nel 100% dei volontari, dopo doppia vaccinazione, sono stati rilevati anticorpi specifici e linfociti T citotossici; mentre nell'80% è stata riscontrata la presenza di anticorpi neutralizzanti gli pseudo-virus dell'HIV”. Inoltre, secondo quanto dichiarato, il vaccino, chiamato KombiVicVak-Novo (Vic è l'acronimo russo per HIV) avrebbe dimostrato di essere sicuro, di non provocare effetti collaterali e di indurre una risposta umorale e cellulare specifica per l'HIV.

Giornata Mondiale contro l’AIDS

I dati dell’ISS in occasione della Giornata Mondiale contro l’AIDS (1° dicembre)

In Italia, dal 2012, diminuiscono progressivamente le nuove diagnosi di infezione da HIV, soprattutto nell’ultimo biennio, con un’incidenza che è lievemente inferiore a quella delle altre nazioni dell’Unione Europea. Ma il numero più frequente di nuove diagnosi si registra nella fascia d’età 25-29 anni, l’età mediana invece è 39 anni per le femmine e 40 anni per i maschi. Rispetto agli anni precedenti, inoltre, cambia la modalità di trasmissione: nel 2019 per la prima volta la quota di nuove diagnosi HIV riferibili a maschi che fanno sesso con maschi ha raggiunto quella attribuibile a rapporti eterosessuali (42%), che invece è stata da sempre la modalità più frequente. Il 60% delle persone diagnosticate con infezione da HIV nel 2019 erano già in fase avanzata di malattia e ignoravano di essere HIV positive già da molto tempo.

AIDS

Il dato emerge dall’indagine Positive Perspective 2, condotta su oltre 2000 persone sieropositive

Verona – Oggi le terapie per contenere l’HIV funzionano e i pazienti ne sono generalmente soddisfatti (73%). Ma solo il 31% degli intervistati non vede spazi di miglioramento. A dirlo sono i risultati del campione italiano (120 persone, 20% donne) dello studio trasversale internazionale Positive Perspective 2, sostenuto da ViiV Healthcare e realizzato su 2112 persone con HIV in terapia antiretrovirale in 24 Paesi nel mondo nel 2019.

Approvazione di farmaci

La nuova combinazione supera il regime antivirale classico, che richiedeva necessariamente tre farmaci

Verona – La combinazione dolutegravir/lamivudina è oggi disponibile in Italia per il trattamento dell’infezione da HIV-1 in adulti e adolescenti di età superiore ai 12 anni con peso corporeo di almeno 40 Kg, con nessuna resistenza nota o sospetta alla classe degli inibitori dell’integrasi, o a lamivudina. L’autorizzazione all’immissione in commercio in Italia per dolutegravir/lamivudina è stata concessa a maggio 2020.

Test HIV

Rapido ed economico, l’esame aiuterà soprattutto i Paesi più poveri, dove il virus è molto più diffuso

Un nuovo test per valutare la carica virale residua nei bambini affetti da HIV è stato messo a punto dagli esperti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. Più semplice, rapido ed economico rispetto a quelli già esistenti, potrà aiutare soprattutto i Paesi più poveri in cui la malattia è ancora fortemente presente. Lo studio sulla sua efficacia è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica The Lancet.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni