Il codice di esenzione della sclerosi multipla è 046 (Malattie croniche).

Giornata della Sclerosi Multipla 2024

La Società Italiana di Neurologia fa il punto sui progressi diagnostici e terapeutici per una migliore qualità della vita dei pazienti

In occasione della Settimana Mondiale della Sclerosi Multipla la Società Italiana di Neurologia (SIN) desidera evidenziare i significativi progressi compiuti negli ultimi anni nella diagnosi e nel trattamento di questa malattia, grazie a un'evoluzione delle conoscenze scientifiche. Questi sviluppi stanno cambiando radicalmente l'approccio terapeutico, migliorando notevolmente la qualità della vita dei pazienti affetti da sclerosi multipla (SM), patologia che nel nostro Paese riguarda circa 150mila persone, soprattutto giovani adulti con un picco fra i 20 e i 30 anni e il doppio delle donne rispetto agli uomini.

Sclerosi multipla - natalizumab

Si ampliano così le possibilità di accesso a un trattamento ad alta efficacia indicato per la malattia in forma recidivante-remittente

Roma – Cresce il numero delle persone con sclerosi multipla, malattia infiammatoria che colpisce il sistema nervoso: oggi si stima che siano 137mila in Italia, nel 2015 erano 110mila. Parallelamente cresce l’esigenza di assicurare a tutti un più ampio accesso alle terapie più adeguate, per migliorare la qualità di vita delle persone che vivono con questa patologia. Una spinta in questa direzione viene dall’approvazione del primo biosimilare del farmaco natalizumab, commercializzato da Sandoz, anticorpo monoclonale indicato negli adulti con sclerosi multipla recidivante- remittente (SMRR), la forma più comune di malattia.

Sclerosi multipla - dati frexalimab

Nello studio di estensione di Fase II, il 96% dei pazienti trattati con il farmaco ad alto dosaggio non ha evidenziato nuove lesioni Gd+ T1

Milano - Il nuovo anticorpo anti-CD40L di Sanofi, frexalimab, ha dimostrato, a quasi un anno di osservazione, una sostanziale riduzione dell'attività di malattia e una tollerabilità favorevole nei pazienti con sclerosi multipla recidivante. Questi dati, provenienti dalla fase di estensione dello studio di Fase II sul farmaco, sono stati presentati al meeting 2024 dell'American Academy of Neurology, a Denver, in Colorado (USA).

Sclerosi multipla dati di Fase II su frexalimab

Il nuovo anticorpo anti-CD40L ha dimostrato di indurre una significativa riduzione di nuove lesioni cerebrali correlate alla malattia

Milano - Il New England Journal of Medicine ha pubblicato i risultati positivi di uno studio clinico di Fase II che ha dimostrato che il farmaco frexalimab è in grado di rallentare in modo significativo l'attività della malattia nelle persone con sclerosi multipla (SM) recidivante, registrando una significativa riduzione delle nuove lesioni cerebrali captanti gadolinio (GdE) rispetto al placebo e raggiungendo, in questo modo, l'endpoint primario della sperimentazione.

Sclerosi multipla e neuromielite ottica - Health Innovation Show 2023

Tutte le novità sono state presentate a Napoli nell’ambito dell’Health Innovation Show 2023, promosso dalla Fondazione MESIT

Napoli -  Ė  stato compiuto un significativo passo avanti nella promozione e nell’affermazione dei diritti delle persone con sclerosi multipla (SM) e neuromielite ottica (NMOSD): sono state presentate durante l’evento Health Innovation Show 2023, promosso dalla Fondazione MESIT, nella specifica sessione “Innovazione e disabilità”, le novità delle comunicazioni tecnico-scientifiche per l’accertamento degli stati invalidanti correlati a sclerosi multipla e NMOSD. L'incontro si è tenuto presso il Centro Congressi del Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, a Napoli.

Farmaci

Dopo 10 anni di trattamento con il farmaco, il 77% dei pazienti non ha mostrato progressione della disabilità

Monza - Al 9° congresso congiunto ECTRIMS-ACTRIMS sono stati presentati nuovi dati clinici e di real world riguardanti ocrelizumab, dai quali emerge che il farmaco continua a rappresentare un trattamento estremamente importante per le persone con sclerosi multipla (SM) recidivante o primariamente progressiva.

Malattie neurologiche

Prof. Bruno Giometto: “Su terapie sperimentali, invece, c’è ancora molto da fare, siamo a lavoro”

Firenze - Colpiscono il sistema nervoso centrale e periferico e possono provocare disabilità anche gravi. Non è semplice diagnosticarle e possono essere confuse con depressione, sofferenza psichica, sindrome da somatizzazione o ipocondria. Le malattie neurologiche disimmuni sono un gruppo di patologie rare che possono colpire sia il sistema nervoso centrale che il sistema nervoso periferico. Spesso queste malattie influiscono sulla capacità di camminare o di afferrare gli oggetti e provocano perdita di sensibilità, formicolio o dolore a mani e piedi, oppure dare crisi epilettiche e demenza.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni