Italian English French Spanish

Sclerosi Multipla

Milano – Oltre metà delle persone con sclerosi multipla (SM) soffre a causa delle difficoltà imposte dalla malattia spesso invisibili agli altri e che possono trovare una risposta anche attraverso la tecnologia: problemi di memoria, perdita della vista, vertigini. Sanofi Genzyme lancia l’iniziativa “The World vs.MS”, un concorso per raccogliere idee e dare risposte concrete alle sfide della sclerosi multipla.

"Sono 70mila gli italiani colpiti da sclerosi multipla, e il loro numero è destinato ad aumentare". Tuttavia, "quella con la sclerosi multipla è una sfida in parte vinta", perché grazie alle cure innovative si è trasformata in una patologia cronica, e "il suo modello un giorno potrebbe essere trasferito anche ad altre patologie". E’ quanto spiega il prof. Giancarlo Comi, Direttore della Neurologia al San Raffaele di Milano, che ha presentato domenica il convegno Best Evidences in Multiple Sclerosis (Bems), giunto alla sua quinta edizione. Ne dà notizia l’Ansa.it.

LONDRA – Il Congresso del Comitato europeo per il trattamento e la ricerca nella sclerosi multipla è la più grande conferenza internazionale del mondo dedicata alla ricerca clinica e di base nella malattia. Dopo un nuovo record di partecipazione con oltre 9.000 delegati provenienti da 95 paesi a Barcellona lo scorso anno, il 32esimo Congresso ECTRIMS, che si svolgerà a Londra dal 14 al 17 settembre 2016, promette di essere ancor più un successo.

L’Associazione CCSVI nella Sclerosi Multipla Onlus rinnova il suo impegno a favore della ricerca e dei malati di Sclerosi multipla e Insufficienza Venosa Cronica Cerebrospinale, celebrando dal primo all’8 maggio,  in tutta Italia, la seconda edizione della ‘Settimana della consapevolezza sulla CCSVI’.

Cambridge, Mass. – Sanofi Genzyme, la divisione di Sanofi specializzata in numerose aree terapeutiche tra cui le malattie rare e la sclerosi multipla, annuncia che saranno presentati al 68° meeting annuale della American Academy of Neurology (AAN), nuovi risultati sull’atrofia cerebrale emersi da un trial clinico in corso con alemtuzumab. Saranno anche resi noti nuovi dati di uno studio esplorativo che dimostrano l’impatto di alemtuzumab sulle fibre nervose retiniche.

 

La terapia continua a dimostrare benefici superiori rispetto ai comparatori, sia sull'attività che sulla progressione della malattia

MONZA – Roche ha presentato una nuova serie di dati ottenuti da tre studi clinici di Fase III sul farmaco sperimentale ocrelizumab, sviluppato per il trattamento della sclerosi multipla (SM). Le analisi relative ai risultati di questi studi verranno illustrate in occasione del 68° convegno annuale dell'American Academy of Neurology (AAN), in corso a Vancouver (Canada) dal 15 al 21 aprile, ed evidenziano la superiore efficacia di ocrelizumab in confronto ad interferone beta-1a nella sclerosi multipla recidivante-remittente (SM-RR), e rispetto a placebo nella sclerosi multipla primariamente progressiva (SM-PP).

La scarsa aderenza al trattamento rappresenta un aspetto cruciale della gestione della sclerosi multipla, perché provoca conseguenze molto importanti e porta ad un aumentato tasso di recidive, oltre che ad un incremento del rischio di ricoveri, con un maggiore utilizzo delle risorse sanitarie (Lugaresi et al. 2014). Infatti, sebbene i più comuni farmaci modificanti la malattia  si siano dimostrati efficaci, sicuri e tollerabili, il successo terapeutico è imprescindibile dall'aderenza del paziente nel lungo termine. Spesso la scarsa aderenza è dovuta alla dimenticanza, che in alcuni casi può essere causata da danno cognitivo, ma è la riduzione delle capacità motorie fini legata alla progressione della malattia ad essere uno dei fattori che può complicare l'auto-iniezione del farmaco e favorire la non-aderenza. Altri motivi comuni di scarsa aderenza possono essere l'ansia e la stanchezza legate all'iniezione, l'insufficiente efficacia, la depressione, le reazioni al sito d'iniezione, i sintomi simil-influenzali (Weller et al. 2015)



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE

GUIDA alle esenzioni per malattie rare

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esentabili.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Amedeo Cencelli, 59 - 00177 Roma | Piva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan





PC | Unknown | Unknown | ?

Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni