Il codice di esenzione della sclerosi multipla è 046 (Malattie croniche).

ricerca Sclerosi multipla

Nella nuova modalità di somministrazione, il farmaco ha evidenziato efficacia e sicurezza paragonabili al suo impiego per via endovenosa

Monza – L’azienda farmaceutica Roche ha annunciato che lo studio di Fase III OCARINA II, volto a valutare il farmaco ocrelizumab in formulazione per uso sottocutaneo in pazienti con forme di sclerosi multipla (SM) recidivante (SMR) o primariamente progressiva (SMPP), ha soddisfatto l’endpoint primario e gli endpoint secondari.

legame tra obesità e malattie autoimmuni

Pubblicato su Science uno speciale firmato da Giuseppe Matarese e dedicato al legame tra obesità e malattie autoimmuni

Nella sclerosi multipla, come in altre malattie a base autoimmunitaria, il sistema immunitario scambia per estraneo e dannoso qualcosa che in realtà non lo è, attaccando organi e tessuti del proprio corpo. Perché questo accada non è del tutto chiaro, ma la ricerca suggerisce che possano essere coinvolte anche condizioni di sovrappeso o di obesità.

Bando FISM per la ricerca 2023

Le candidature potranno essere presentate fino al prossimo 24 aprile

Genova - Vale 5 milioni di euro il nuovo Bando FISM: l’obiettivo è sostenere progetti di ricerca di eccellenza per trovare la causa e una cura definitiva per la sclerosi multipla (SM), migliorando servizi e qualità di vita per le persone che sono affette dalla patologia. Il Bando, inoltre, mette a disposizione un fondo dedicato, fino a un milione di Euro, per progetti di eccellenza sulle malattie correlate alla SM.

premio AISM e FISM

Il riconoscimento è stato ottenuto grazie al progetto “BARCODING MS”

Genova - Primi in Europa nella promozione della medicina personalizzata. L'Associazione Italiana Sclerosi Multipla (AISM) e la sua Fondazione, FISM, hanno ricevuto a Pamplona l'ICPerMed Best Practice in Personalised Medicine Recognition 2022 con il progetto BARCODING MS. Un premio all'eccellenza italiana nella ricerca e cura della sclerosi multipla (SM) e alla condivisione dei dati come strumento per dare risposte personalizzate ai pazienti, per migliorare i trattamenti e così la loro qualità di vita.

Il gruppo di studio del professor Gianvito Martino

Una sperimentazione ideata e condotta dall’IRCCS Ospedale San Raffaele apre la strada allo sviluppo di un’innovativa terapia cellulare

Milano - Per la prima volta al mondo, nel maggio 2017, un paziente affetto da sclerosi multipla (SM) progressiva in stadio avanzato ha ricevuto una terapia a base di cellule staminali neurali (del cervello), nell’ambito dello studio STEMS, coordinato dal professor Gianvito Martino, direttore scientifico dell'IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano e prorettore alla ricerca e alla terza missione dell’Università Vita-Salute San Raffaele, pioniere della ricerca in questo campo.

farmaci sclerosi multipla

Il trattamento precoce con il farmaco evidenzia una riduzione della progressione di malattia in pazienti affetti dalla forma recidivante-remittente

Monza - Roche ha annunciato nuovi dati su ocrelizumab relativi alla progressione della malattia nei pazienti con sclerosi multipla (SM) recidivante-remittente (SMRR) in fase iniziale, nonché alla sicurezza a lungo termine in tutti gli studi clinici condotti su pazienti con sclerosi multipla recidivante (SMR) e primariamente progressiva (SMPP). Inoltre, i risultati provenienti da un ampio database di esiti di gravidanza in donne con SM trattate con ocrelizumab sono coerenti con i dati epidemiologici relativi alle donne in gravidanza e sono stati presentati al 38° Congresso dello European Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis (ECTRIMS).

Diamo uno strappo alla SM

Ideata da Janssen Italia, in collaborazione con l’artista Nazario Graziano, l’iniziativa invita i pazienti ad aprirsi alle persone vicine e ai caregiver

Milano – Oltre un milione di persone in Europa e circa 133.000 in Italia sono colpite da sclerosi multipla (SM), una patologia infiammatoria e neurodegenerativa autoimmune che colpisce il sistema nervoso centrale. Con una prevalenza in Italia di 215 casi ogni 100mila abitanti, la SM risulta avere un impatto sociale decisamente rilevante. Ciò è ulteriormente aggravato, dal punto di vista psicologico ed emotivo, dalla difficoltà che le persone con SM a volte incontrano nel tentare di esprimere il proprio stato d’animo in merito al convivere con la patologia. Gli attacchi dovuti alla SM possono infatti colpire in ogni momento, costituendo delle vere e proprie interruzioni che imprevedibilmente interrompono il normale flusso della vita, creando malessere, ansia e disagio alle persone affette dalla patologia.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni