Il codice di esenzione della sclerosi sistemica è RM0120 ("Sclerosi sistemica progressiva").

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha concesso lo status di Breakthrough Therapy Designation (BTD - designazione di terapia fortemente innovativa) a tocilizumab per la sclerosi sistemica (SSc), per accelerarne lo sviluppo e la sua valutazione.

I risultati di uno studio esplorativo (proof-of-concept), volto a verificare la possibilità di trattamento della sclerosi sistemica diffusa (Ssc) con tocilizumab, presentati recentemente a Manchester nel corso del meeting annuale della British Society of Rheumatology, sono incoraggianti.

E’ stata ufficialmente approvata dall'Azienda Ospedaliera Universitaria di Siena l'istituzione di un percorso assistenziale multidisciplinare denominato ‘Scleroderma Unit’. La Scleroderma Unit, che sarà coordinata dal prof. Nicola Giordano, reumatologo e professore associato di medicina interna all’Università di Siena, nasce allo scopo di garantire la migliore assistenza ai pazienti affetti da Sclerosi Sistemica (o sclerodermia) e per rendere il più agevole possibile l'iter diagnostico-terapeutico.

Gli studi dei reumatologi dell’Università Cattolica di Roma aiutano a personalizzare le cure per massimizzarne sempre di più l’efficacia. Oggi 25 marzo Giornata Nazionale per la Lotta alla Malattia, incentrata sugli aspetti nutrizionali della patologia.

Roma – Il decorso della sclerodermia, invalidante malattia autoimmune, si può rallentare agendo per tempo con terapie mirate in modo selettivo contro le cellule immunitarie 'cattive' che danneggiano pelle, polmoni e cuore dei pazienti, ovvero i globuli bianchi CD20. La scoperta dei ricercatori della Facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica di Roma è il risultato di due studi, entrambi pubblicati sulla rivista Seminars in Arthritis and Rheumatism dall’équipe del professor Gianfranco Ferraccioli, Ordinario di Reumatologia presso l’Ateneo del Sacro Cuore.

Rituximab - farmaco solitamente impiegato nel trattamento di alcune malattie autoimmuni, del Linfoma non Hodgkin e nelle leucemie delle cellule B - ridurrebbe la progressione dell’ispessimento cutaneo e della fibrosi polmonare nei pazienti con sclerosi sistemica.

Una terapia aggiuntiva efficace per i pazienti con sclerosi sistemica cutanea diffusa attiva e che non rispondono al trattamento immunosoppressivo tradizionale, potrebbe essere il trattamento con immunoglobuline per via endovenosa (IVIG).

Sono stati pubblicati di recente su Journal of Rheumatology i risultati di uno studio monocentrico osservazionale secondo cui la terapia a base di immunoglobuline per via endovenosa (IVIG) potrebbe essere un trattamento aggiuntivo efficace per i pazienti affetti da sclerosi sistemica cutanea diffusa attiva e che non rispondono al trattamento immunosoppressivo tradizionale.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Partner Scientifici

Media Partner



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni