Fatigue

L’indagine di Janssen fornisce nuovi dati sui sintomi e gli effetti della patologia

Beerse (BELGIO) – Janssen, divisione farmaceutica del Gruppo Johnson & Johnson, ha annunciato nuovi dati derivanti da uno studio di real-word evidence, che dimostrano alti livelli di fatigue, e il relativo impatto sulla vita dei pazienti in termini di attività fisiche, cognitive/emozionali e di coping (accettazione delle modalità di adattamento con le quali si affrontano situazioni stressanti), in una maggioranza di pazienti adulti con sclerosi multipla recidivante (SMR). I dati sono condivisi online in una poster presentation nel corso dell’MSVirtual2020: 8th Joint ACTRIMS-ECTRIMS Meeting.

Lo studio ha arruolato 200 pazienti statunitensi con SMR e ha misurato la fatigue da sclerosi multipla (SM) e il suo impatto sulla vita quotidiana, utilizzando il Fatigue Symptoms and Impacts Questionnaire - Relapsing Multiple Sclerosis (FSIQ-RMS), una nuova scala specifica per la malattia, sviluppata in coerenza con le linee guida della Food & Drug Administration americana. Il FSIQ-RMS è uno strumento per la rilevazione degli esiti riferiti dai pazienti che ha dimostrato validità di contenuto e misurazione degli item relativi ai sintomi correlati alla fatigue in SMR e al loro impatto. Il sintomo della SM con più impatto sul funzionamento quotidiano è la fatigue (33%), seguito dalle difficoltà deambulatorie (25%).

“La SM è una delle cause più comuni di disabilità neurologica negli adulti giovani e di mezza età, con oltre 700.000 persone in Europa che ne sono colpite”, afferma Bill Martin, Ph.D., Responsabile Globale per l'Area Terapeutica, Neuroscienze, Janssen Research & Development. “In Janssen abbiamo un approccio olistico alle condizioni neurodegenerative, che tiene conto tanto dei sintomi principali quanto di quelli secondari, o ‘nascosti’. Per questo abbiamo sviluppato il FSIQ-RMS, per meglio comprendere e misurare la gravità della fatigue da SM e il suo impatto sulla funzionalità quotidiana, in modo che queste conoscenze possano applicarsi allo sviluppo di opzioni terapeutiche utili, e di iniziative formative per aiutare le persone con SM e le equipe di cura a gestire meglio questo importante sintomo.”

Parallelamente, Janssen, in partnership con la National Multiple Sclerosis Society (NMSS), ha recentemente condotto una ricerca globale sui pazienti per esaminare l’impatto della fatigue da SM su tutti gli aspetti sociali ed emozionali della vita quotidiana. L’indagine ha incluso 1.300 pazienti adulti con SM residenti negli Stati Uniti, in Germania, Canada, Francia, nel Regno Unito e in Italia. I risultati mostrano che oltre il 65% dei pazienti di SM soffrono di fatigue ogni giorno, e il 60% ha affermato che la fatigue è peggiorata dal momento della diagnosi.

Dall’indagine è inoltre emerso che:
- Più del 75% dei pazienti concorda che è difficile per le persone attorno a loro capire come la fatigue li condizioni.
- Quasi il 70% dei rispondenti ritiene di dover nascondere agli altri la propria fatigue.
- Oltre il 40% dei rispondenti ha riferito un senso di solitudine a causa della fatigue.
- Circa il 37% ha affermato di avere problemi a fare nuove amicizie, o di avere rapporti tesi con gli amici a causa della fatigue.
- Quasi metà dei pazienti fa pause nel corso della giornata per gestire la fatigue. Sul posto di lavoro, in particolare, l’85% ha riferito che questa incide sul modo in cui si sentono e agiscono al lavoro.
- Più di un terzo dei rispondenti ha riferito di essere arrivato al lavoro tardi o di essere andato via in anticipo, di essersi dato malato al lavoro, o di essere mancato ad attività familiari o sociali a causa della fatigue.
- Oltre il 90% dei pazienti ha parlato della propria fatigue con il medico; tuttavia il 56% afferma di avere la sensazione che il proprio medico non abbia compreso pienamente l'impatto della fatigue sulla sua vita quotidiana.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni