La presenza di comorbilità cardiovascolari può influenzare pesantemente anche la durata del ricovero e il rischio di tracheostomia

LONG BRANCH (U.S.A.) – La fibrosi polmonare idiopatica (IPF) è una malattia cronica e progressiva del parenchima del polmone, con una prevalenza stimata di 14-43 casi su 100.000. Il paziente di solito si presenta con tosse e dispnea da sforzo, che può portare a insufficienza respiratoria acuta. La malattia è stata associata a diverse comorbilità, come cancro ai polmoni, enfisema, apnea ostruttiva del sonno, malattia da reflusso gastroesofageo e molteplici conseguenze cardiovascolari.

Le manifestazioni cardiovascolari includono ipertensione polmonare, insufficienza cardiaca, malattia coronarica, aritmie cardiache e manifestazioni cardiache dovute ai farmaci utilizzati per il trattamento dell'IPF. Un gruppo di ricercatori statunitensi e indiani, in uno studio pubblicato sulla rivista Intractable and Rare Diseases Reseach, hanno illustrato le prove dell'associazione tra IPF e condizioni cardiovascolari e hanno tentato di fornire intuizioni sulla fisiopatologia sottostante.

La presenza di comorbilità cardiovascolari associate può ridurre in modo significativo la sopravvivenza e gli esiti nei pazienti con IPF che si sottopongono a trapianto di polmone. Orrego et al. nel 2014 hanno studiato l'effetto delle aritmie atriali sugli esiti e sulla mortalità dei pazienti con IPF sottoposti a trapianto di polmone, e il tasso di mortalità in un anno è risultato essere più elevato (21,5%) nel gruppo con aritmie rispetto a quello senza (15,7%). Inoltre, la durata del ricovero in ospedale (quindi la morbilità) è aumentata con la presenza di aritmie atriali (in media 20 giorni) rispetto ai pazienti senza (in media 15 giorni).

Ma già dieci anni prima, nel 2004, Nielsen et al. avevano dimostrato un aumento simile della morbilità e mortalità nei pazienti con aritmie atriali tra i pazienti con IPF dopo il trapianto polmonare. La presenza di fibrillazione atriale ha portato ad un aumento nella durata del ricovero (32,4 giorni contro 17.5), nei decessi in ospedale e nel rischio di tracheostomia.

La malattie cardiovascolari hanno dunque un impatto significativo sulla mortalità e sui ricoveri dei pazienti con IPF. Anche se la più comune causa di morte è l'insufficienza respiratoria causata dalla progressione della malattia, in alcuni pazienti sono stati riportati decessi dovuti a malattie cardiache.

A volte la dispnea e l'ipossia da malattie cardiovascolari possono essere mascherate. D'altra parte, la malattia cardiaca può essere aggravata dall'ipossia e dall'ipertensione polmonare legate all'IPF. È quindi prudente monitorare questi pazienti per i sintomi e gli eventi cardiaci, per ridurre la morbilità e la mortalità generale.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Gli Equilibristi. Come i Rare Sibling vivono le malattie rare

Gli Equilibristi. Come i Rare Sibling vivono le malattie rare

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni