USA - Incyte Corporation ha annunciato i positivi dati di sicurezza ed efficacia ottenuti nello studio clinico COMFORT-I, un processo di Fase III progettato per valutare l'impiego a lungo termine del farmaco Jakafi® (ruxolitinib) in pazienti con mielofibrosi (MF) primaria a rischio intermedio o alto, mielofibrosi post-policitemia vera o mielofibrosi post-trombocitemia essenziale. Gli esiti a 5 anni evidenziano che il trattamento è stato in grado di determinare un significativo miglioramento della sopravvivenza globale (OS) dei pazienti.

COMFORT-I è una sperimentazione randomizzata, in doppio cieco e controllata con placebo che ha visto coinvolti 309 individui affetti da mielofibrosi. In base a quanto riportato, i pazienti sottoposti a ruxolitinib hanno manifestato una riduzione del rischio di morte del 31%. Dato che la maggior parte dei soggetti del gruppo placebo (111 su 154) è passata alla terapia con principio attivo, in media dopo 41.1 settimane dalla randomizzazione, i suddetti dati suggeriscono che un trattamento precoce con ruxolitinib può essere associato ad un miglioramento della sopravvivenza a lungo termine nei pazienti affetti da MF.

Inoltre, i soggetti sottoposti al farmaco hanno manifestato, al termine dei 5 anni di follow-up, una riduzione media del volume della milza del 37,6%, oltre ad una stabilizzazione del livello delle piastrine e dell'emoglobina.

Gli eventi avversi osservati nello studio COMFORT-I coincidono con quelli riscontrati in precedenti sperimentazioni di ruxolitinib e il trattamento a lungo termine non ha comportato alcun aumento d'incidenza degli effetti collaterali.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il comunicato stampa aziendale.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni