Italian English French Spanish

Policitemia Vera

AUSTRIA e TAIWAN – In occasione del meeting annuale dell'American Society of Hematology (ASH), tenutosi a San Diego (California) dal 3 al 6 dicembre di quest'anno, sono stati presentati i risultati dello studio clinico di Fase III 'PROUD-PV', in cui il farmaco sperimentale 'ropeginterferon alfa-2b' è stato valutato in un gruppo di pazienti con policitemia vera (PV). La notizia è stata resa nota da PharmaEssentia Corporation, la società che ha originariamente scoperto la molecola, e AOP Orphan Pharmaceuticals AG, che ne detiene i diritti di sviluppo e commercializzazione in Europa e Medio Oriente.

SVIZZERA – In occasione del 21° congresso della European Hematology Association (9-12 giugno 2016, Copenhagen, Danimarca), la casa farmaceutica Novartis ha presentato i risultati dello studio di Fase III, denominato RESPONSE-2, sull'impiego di Jakavi® (ruxolitinib) per il trattamento dei pazienti con policitemia vera (PV) che sono resistenti o intolleranti all'idrossiurea e non presentano ingrossamento della milza. In base a quanto riscontrato, l'utilizzo di ruxolitinib ha determinato un controllo dell'ematocrito superiore a quello ottenuto con la migliore terapia disponibile (BAT).

USA - In base ai risultati di uno studio preclinico condotto dai ricercatori del Children's Hospital of Philadelphia (CHOP), particolari peptidi sintetici chiamati 'miniepcidine' sembrano rappresentare un potenziale trattamento per due diverse tipologie di malattie genetiche del sangue, la policitemia vera (PV) e la beta talassemia (BT). L'incoraggiante ricerca è stata recentemente pubblicata sulla rivista specializzata Blood, e potrebbe aprire la strada a future sperimentazioni cliniche di queste nuove sostanze peptidiche.

SVIZZERA – Novartis ha presentato, in occasione del 57° meeting annuale dell'American Society of Hematology (5-8 dicembre 2015, Orlando, Florida), i positivi risultati di efficacia ottenuti dal programma di sperimentazione clinica di Fase III del farmaco Jakavi® (ruxolitinib), un inibitore orale delle tirosin-chinasi JAK1 e JAK2 indicato per il trattamento di due diverse malattie rare, la mielofibrosi (MF) e la policitemia vera (PV). In Europa, ruxolitinib è approvato sia come terapia per la MF che per la PV.

Basilea (Svizzera) - Novartis ha presentato gli incoraggianti risultati a lungo termine provenienti dallo studio di Fase III, denominato RESPONSE, sulla sicurezza e l'efficacia del farmaco Jakavi (ruxolitinib) nel trattamento di pazienti con policitemia vera (PV) rivelatisi resistenti o intolleranti all'idrossiurea. Un'analisi pianificata dello studio effettuata a 18 mesi ha dimostrato che l'80% dei pazienti trattati con Jakavi ha mantenuto, per almeno un anno, un ematocrito inferiore al 45% senza bisogno di flebotomie e una riduzione delle dimensioni della milza, due parametri chiave per il controllo della malattia.



News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Amedeo Cencelli, 59 - 00177 Roma | Piva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan





Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni