Farmaci

I farmaci selezionati per il trattamento dei pazienti affetti saranno rimborsati dal Servizio Sanitario Nazionale

Grazie al via libera dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), antimalarici e agenti antivirali usati contro l’AIDS potranno essere utilizzati come trattamento (non profilassi) nei casi meno gravi di infezione da SARS-CoV-2, il Coronavirus responsabile della malattia COVID-19. Come si legge dalla Determina AIFA n. DG 258 del 17 marzo, “i medicinali a base di clorochina, idrossiclorochina, lopinavir/ritonavir, danuravir/cobicistat, darunavir, ritonavir sono a totale carico del Servizio Sanitario Nazionale per il trattamento dei pazienti affetti da infezione da SARS-CoV-2”. L’autorizzazione è valida anche per l’uso domiciliare, nel rispetto delle condizioni indicate.

I farmaci oggetto della Determina, che ha una validità di tre mesi dall’entrata in vigore, dovranno essere dispensati unicamente dalle farmacie ospedaliere e la struttura prescrittrice deve trasmettere tempestivamente all’AIFA i dati relativi ai pazienti trattati. Antivirali contro l’AIDS e antimalarici sono tra le terapie che sembrano, al momento, le più promettenti per contrastare l’infezione quando i sintomi sono ancora di live entità.

Per maggiori informazioni, si consiglia di consultare la sezione “Emergenza COVID-19” del sito istituzionale dell'AIFA.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni