Smart working per i lavoratori fragili

Dal Comitato Vittime Sangue Infetto un sollecito per l’approvazione delle proposte di legge. Dal Comitato Lavoro Agile un’analisi sul potenziale risparmio dei costi per infortuni e malattie professionali

È passato più di un anno da quel 26 maggio 2023 in cui il disegno di legge “Disposizioni per la tutela dei lavoratori pubblici e privati che recano una condizione di fragilità e misure volte a incentivarne il lavoro agile, di iniziativa del Senatore Orfeo Mazzella (M5S), è stato assegnato alla 10ª Commissione permanente del Senato (Affari sociali, sanità, lavoro pubblico e privato, previdenza sociale) in sede redigente. La Commissione cui è stata assegnata la proposta era chiamata a esaminarla, discuterla, approvarla e sottoporla poi all’Aula, per il voto definitivo. Nulla di tutto questo però è ancora avvenuto, nonostante i solleciti e le mobilitazioni dei diretti interessati, ovvero i lavoratori fragili.

LA SITUAZIONE NORMATIVA ATTUALE

Il diritto allo smart working riconosciuto ai lavoratori fragili, introdotto alla luce dell’emergenza Covid-19 e oggetto, negli ultimi tre anni, di ripetute proroghe, è scaduto il 31 dicembre 2023 per i lavoratori del settore pubblico e il 31 marzo 2024 per i lavoratori del settore privato (come da proroga del cosiddetto DL Anticipi Decreto-Legge 18 ottobre 2023, n. 145, convertito con Legge 15 dicembre 2023, n. 191).

A oggi, nel settore pubblico l’autorizzazione allo smart working è affidata ai singoli dirigenti della PA, in base agli accordi individuali, per la “salvaguardia dei soggetti più esposti a situazioni di rischio per la salute”.

Nel comparto privato, invece, la disciplina del lavoro e, di conseguenza, quella relativa allo smart working, è demandata ai diversi contratti aziendali che, eventualmente, disciplinano i giorni di lavoro in presenza e quelli in cui il dipendente può lavorare da remoto.

L’ANALISI CONDOTTA DAL COMITATO LAVORO AGILE

Il “Comitato Lavoro Agile” è un gruppo spontaneo, nato per rappresentare le istanze e i diritti dei lavoratori fragili e caregiver, che ha realizzato – e sottoposto anche a Osservatorio Malattie Rare – una ricerca attraverso la quale far emergere che esistono virus respiratori, diversi dal virus SARS-CoV-2, ugualmente pericolosi per la salute dei fragili e quanto, alla luce di questo, sia fondamentale prevedere una tutela stabile per i lavoratori in condizioni di fragilità.

“Siamo in contatto – scrivono i rappresentanti del Comitato nella premessa della ricerca – con diversi altri gruppi, associazioni e alcuni sindacati che rappresentano anche loro i disabili e i lavoratori fragili per un totale di circa 20 mila persone; inoltre in questi ultimi mesi abbiamo definito alcuni contatti con diverse associazioni e gruppi europei di categoria che ci hanno già dato la loro disponibilità a sostenerci e lottare insieme per il medesimo obiettivo: il lavoro agile strutturale per i fragili/disabili”.

“Con questa ricerca – spiega il gruppo di lavoro – abbiamo dimostrato in maniera rigorosa, dettagliata e inconfutabile che l’impiego a tempo pieno dello smart working nella categoria dei soli lavoratori fragili può portare ad un notevole risparmio economico a seguito di un’importante diminuzione dei costi degli infortuni e delle malattie professionali. Parliamo di alcune centinaia di milioni di euro: per la precisione si va da un minimo di 242 milioni di euro ad un massimo di oltre 646 milioni di euro”.

Qui è disponibile il documento completo della ricerca del Comitato Lavoro Agile.

LA PROTESTA PIÙ RECENTE

Dopo la lettera aperta a Governo e Parlamentari del gruppo "Lavoratori fragili uniti", di cui avevamo dato notizia lo scorso novembre, un altro collettivo si è mobilitato per sollecitare le istituzioni a una rapida risoluzione delle criticità legate alla mancata tutela per i lavoratori fragili. Si tratta del Comitato Nazionale Vittime Sangue Infetto “Andrea Spinetti”, che opera su tutto il territorio nazionale con l'obiettivo di difendere, in tutte le sedi, i diritti delle persone fragili e disabili danneggiate dal sangue infetto e dagli emoderivati.

“In tutta Italia – denuncia il Comitato – ci sono migliaia di lavoratori fragili, come già approfonditamente descritto nelle nostre precedenti comunicazioni a tutt’oggi in ascoltate. Dal 31 marzo 2024 il Governo e il Parlamento hanno lasciato i lavoratori fragili del privato senza alcuna tutela, mentre per i lavoratori fragili del pubblico è stata emanata una semplice Direttiva del 29/12/2023, delegandone l'applicazione alle singole amministrazioni”.

Rivolgiamo un preoccupato e accorato appello – prosegue il testo della lettera – all’urgente necessità di dedicare la vostra attenzione a due disegni di legge: al testo del Disegno di Legge n. 679 “Disposizioni per la tutela dei lavoratori e delle lavoratrici pubblici e privati che recano una condizione di fragilità e misure volte a incentivarne il lavoro” d'iniziativa dell’On. Senatore Mazzella, comunicato alla Presidenza il 27 aprile 2023 e Assegnato alla 10ª Commissione permanente del Senato (Affari sociali, sanità, lavoro pubblico e privato, previdenza sociale) in sede redigente il 26 maggio 2023; al testo del Disegno di Legge n. 1466 "Disposizioni per la tutela dei lavoratori affetti da patologie o stati clinici che determinano una condizione di fragilità", su iniziativa della Deputata On. Rita dalla Chiesa e presentata il 6 ottobre 2023, assegnata all'XI Commissione Lavoro Pubblico e Privato della Camera in sede referente il 25 gennaio 2024”.

In rappresentanza di tutti i lavoratori fragili del settore pubblico e privato il Comitato Nazionale Vittime Sangue Infetto “Andrea Spinetti” chiede dunque che, quanto prima, che i due disegni di legge in argomento vengano assegnati e incardinati gli iter istruttori dei lavori della 10ª Commissione, al fine di poter addivenire, prima possibile, a una normativa puntuale e strutturale dei lavoratori che versano in condizione di fragilità, così come definiti dall’art. 1 del Disegno di Legge medesimo.

“Nelle more dell'approvazione di questi disegni di legge – chiosa il Comitato – si chiede che venga prorogato il lavoro agile per i lavoratori fragili del pubblico e del privato con un decreto legge emanato urgentemente o con un decreto interministeriale (Salute, Lavoro, Funzione Pubblica) prevedendo il cambio mansione per chi non può lavorare in modalità agile”.

Qui è possibile leggere il testo completo della lettera-appello inviata.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni