Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare #Asma grave, in Italia solo il 48% dei Pronto Soccorso ha un protocollo per gestire il paziente. bit.ly/2NOM6Rq
About 12 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Eliminare l’ #epatiteC dal nostro Paese è l’obiettivo fissato dall’OMS entro il 2030. Da medici e pazienti un appello alle istituzioni, per una rete che favorisca un accesso più rapido ai trattamenti. bit.ly/2XjBj4W
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #GiochiamodiAnticipo anche su @SkyTG24 ! Lo #screeningneonatale può cambiare il destino di un neonato affetto da #SMA , una malattia rara, neurodegenerativa, così grave da essere la prima causa genetica di mortalità infantile. @famigliesma tg24.sky.it/spettacolo/2019/11/09/giochiamo-anrticipo-campagna-sociale.html
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Storie di Sibling, il punto di vista di chi vive e cresce con un fratello raro. 21 novembre 2019 14:30 - 17:30 Auditorium del Ministero della Salute, Roma Il programma bit.ly/33rA8T4 @RareSiblings pic.twitter.com/IGeGBlxKF7
2 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Assegno d’incollocabilità: ecco i requisiti e le indicazioni per ottenere il contributo mensile. #OmarInforma #Esenzioni #Diritti bit.ly/2ObGOOV
2 days ago.

L’azienda annuncia che nel 2013 chiederà l’approvazione ad Ema e Fda

La sindrome di Morquio, o mucopolisaccaridosi di tipo IV A. è una malattia da accumulo lisosomiale  causata da un deficit dell’enzima GALNS responsabile di una degradazione difettosa del cheratan solfato e della condroitina 6-solfato, due componenti della cartilagine che causano  soprattutto deformità scheletriche e un arresto precoce della crescita per la quale non esistono terapie risolutive. E’ stata però messa a punto la terapia enzimatica sostitutiva con l’enzima N-acetilgalattosamina-6-solfato solfatasi (GALNS) , che recentemente ha confermato la propria efficacia.


Ad annunciarlo è BioMarin Pharmaceutical, azienda biofarmaceutica americana focalizzata proprio sulle malattie rare: l’azienda ha reso noto che nello studio di fase III MOR-004 il farmaco ha centrato il suo obiettivo primario, cioè il miglioramento rispetto al placebo del risultato del test 6MWT (test della distanza percorsa a piedi in 6 minuti) dopo 24 settimane di terapia con GALNS.
Nei pazienti trattati ogni settimana con l’enzima alla dose di 2 mg/kg si è osservato un aumento medio di 22,5 metri nel 6MWT rispetto al gruppo di controllo, trattato con placebo (P = 0,0174). Positivi anche i risultati relativi agli endpoint secondari.
L’azienda ha dichiarato che sulla base dei risultati dello studio prevede di presentare la domanda di approvazione del trattamento alle agenzie del farmaco a partire dal primo trimestre del 2013.

Lo studio in questione è il MOR-004: un trial randomizzato, controllato e in doppio cieco che ha coinvolto 176 pazienti con MPS IVA, ha valutato due diverse posologie GALNS (2 mg/kg una volta alla settimana oppure ogni 2 settimane) confrontandole con un placebo. Gli endopoint secondari dello studio comprendevano le variazioni del three-minute stair climb test e dei livelli urinari di cheratan solfato rispetto al placebo.
Come riportato da Pharmastar http://www.pharmastar.it/index.html?cat=5&id=9494 i  risultati dimostrano che i pazienti trattati col farmaco una volta alla settimana hanno ottenuto un aumento della distanza percorsa rispetto al basale già dopo 12 settimane e hanno continuato a migliorare fino a 24 settimane.
Nel comunicato stampa, Biomarin riferisce anche i risultati preliminari di un’estensione di questo studio, chiamata MOR-005, che suggerisce come i benefici clinici continuino a migliorare proseguendo il trattamento settimanale con GALNS fino a 36 e a 48 settimane. Invece, i pazienti trattati ogni 15 giorni non hanno mostrato una variazione clinicamente o statisticamente significativa del 6MWT rispetto al placebo.
Il trattamento settimanale con l’enzima ha migliorato anche entrambi gli endpoint secondari. Infatti, si sono osservate una tendenza all’aumento rispetto al placebo del numero di gradini saliti in 3 minuti (misurato mediante il three-minute stair climb test) e una riduzione significativa, pari al 40,7 per cento, rispetto al placebo dei livelli di cheratan solfato nelle urine.

Anche per gli endpoint secondari i risultati preliminari dello studio MOR-005 suggeriscono che, proseguendo il trattamento, i benefici non solo si mantengono, ma continuano a migliorare sia a 36 sia a 48 settimane.
Infine, nello studio MOR-004 si è osservata una tendenza al miglioramento della funzionalità polmonare, misurata attraverso la massima ventilazione volontaria (MVV), nei pazienti trattati con GALNS una volta alla settimana rispetto ai controlli. Nel primo gruppo, infatti, si è ottenuto un miglioramento della MMV del 10,3 per cento rispetto al gruppo placebo.

Incoraggianti anche i risultati di safety. Infatti, nello studio MOR-004 il trattamento con GALNS è risultato in genere ben tollerato e gli eventi avversi sono stati simili a quelli osservati nei trial su altre terapie sostitutive enzimatiche.
Gli eventi avversi più comuni (verificatisi in più del 25 per cento dei pazienti trattati) sono stati vomito, piressia, cefalea, nausea e tosse. Quelli gravi ritenuti correlati al farmaco hanno avuto una frequenza del 3,4 per cento nel gruppo trattato una volta alla settimana, 1,7 per cento nel gruppo trattato ogni 15 gironi e pari a zero nel gruppo placebo. Non ci sono stati decessi e nessun paziente ha abbandonato lo studio a causa degli effetti collaterali.

Le reazioni associate all’infusione sono state generalmente lievi o moderate e gestibili con un trattamento sintomatico oppure modificando la velocità di infusione.
Commentando i dati, l’analista di RBC Capital Markets Michael Yee ha detto che essendo MOR-004 il più ampio trial di fase III mai condotto fino ad oggi su una terapia sostitutiva enzimatica III e visti i risultati positivi, ci sono ottime probabilità che il GALNS ottenga il via libera delle autorità regolatorie.
Di un trattamento efficace contro la MPS IVA c’è di sicuro un gran bisogno. Al momento attuale, infatti, la terapia è prevalentemente sintomatica e palliativa, ma non ci sono ancora farmaci disponibili che agiscano a monte, sulle cause della malattia. Malattia che, purtroppo, ha una prognosi infausta, dato che i pazienti difficilmente superano i 30-40 anni di età e muoiono molto giovani, mediamente intorno ai 25 anni



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 

Multichannel Project Partner

logo fablab

La partnership OMaR/CGM fablab ha come obiettivo l'ideazione e realizzazione di progetti di comunicazione, rivolti a pazienti, medici e farmacisti, che uniscano la competenza scientifica specializzata di OMaR agli esclusivi canali digitali di CGM.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni