La sindrome di Morquio A (mucopolisaccaridosi di tipo IV A) è una malattia rara di tipo autosomico recessivo caratterizzata da un deficit di N-acetilgalattosammina-6 solfatasi (GALNS) che si presenta con nanismo, disturbi della deambulazione, instabilità della colonna vertebrale, epatosplenomegalia, deficit alla vista e all’udito e riduzione dell’aspettativa di vita. Uno studio pubblicato sull’Orphanet Journal of Rare Diseases ha cercato di compiere una revisione sistematica della prevalenza di Morquio A in più paesi e di proporre raccomandazioni per la registrazione dei casi di malattie rare.

Tutti i più importanti database sono stati setacciati dalla loro nascita al mese di ottobre 2013 per individuare rilevanti informazioni sull’epidemiologia della Morquio A. Quaranta persone, fra rappresentanti di associazioni dei pazienti e opinion leader sono stati contattati per ottenere dei dati in 24 paesi. Gli studi osservazionali sono stati inclusi, mentre sono stati esclusi i casi clinici, e le ricerche sono state effettuate senza restrizioni di data o di lingua. Due ricercatori, in modo indipendente, hanno poi analizzato ed estratto i dati. La prevalenza puntuale e la prevalenza alla nascita sono state stratificate in base al metodo diagnostico usato e discusse.

In totale 9.074 record sono stati recuperati dalla ricerca e 25 studi sono stati inclusi per l’estrazione dei dati. Venti rappresentanti di associazioni dei pazienti e opinion leader su quaranta hanno risposto, e nove di loro (il 23%) hanno fornito dei dati. La prevalenza puntuale della sindrome di Morquio A è stata di 1 su 926.000 in Australia, 1 su 1.872.000 in Malesia e 1 su 599.000 nel Regno Unito, mentre la sindrome di Morquio non classificata è stata di 1 su 323.000 in Danimarca. La prevalenza alla nascita (con i metodi diagnostici raccomandati) variava da 1 su 71.000 negli Emirati Arabi Uniti a 1 su 500.000 in Giappone. Tutti i risultati sono stati compromessi dall’insufficienza degli studi riportati e dalla scarsa validità interna.

La revisione ha evidenziato che c’è un fraintendimento nelle definizioni di prevalenza e incidenza; che gli studi sono stati mal segnalati (sia i metodi diagnostici che le caratteristiche del paziente) e che non esiste alcun adeguato strumento di valutazione della qualità, pertanto possono verificarsi sovrastima e sottostima dei dati di prevalenza. Gli studiosi raccomandano dunque la creazione di linee guida di rendicontazione su misura e di uno specifico strumento di valutazione della qualità per la prevalenza delle malattie rare.

In Italia, dopo anni di ricerca e di attesa, i pazienti affetti da mucopolisaccaridosi di tipo IV A hanno finalmente un farmaco a disposizione. La prima terapia enzimatica sostitutiva per la sindrome di Morquio A, l’elosulfase alfa (Vimizim), prodotto da Biomarin, è stata infatti inserita dall’AIFA tra i farmaci orfani disponibili tramite l’elenco speciale previsto dalla Legge 648/96.

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni