Ora l'unica possibilità terapeutica, elosulfase alfa, è totalmente rimborsata dal SSN

Dopo anni di ricerca e di attesa i pazienti affetti da Mucopolisaccaricosi IVA (o sindrome di Morquio) hanno finalmente una terapia a disposizione, anche in Italia. A due mesi dall'Autorizzazione all'immissione in Commercio Europea (AIC), la prima terapia enzimatica sostitutiva per la sindrome di Morquio A- elosulfase alfa (Vimizim), prodotto da Biomarin - è stata inserita dall'AIFA tra i farmaci orfani disponibili tramite l'elenco speciale previsto dalla Legge 648/96.

Tale inserimento rende possibile la disponibilità della terapia a carico del SSN senza attendere il completamente dell'iter di prezzo e rimborso, che avrebbe altrimenti ritardato di vari mesi l'effettiva disponibilità di questa terapia, ad oggi l'unica per questa grave malattia da accumulo lisosomiale.

La notizia è stata pubblicata nella gazzetta ufficiale dello scorso 26 Giugno.  Il farmaco potrà essere prescritto a tutti i pazienti affetti da mucopolisaccaridosi IVA, con dimostrato deficit di N-acetilgalattosamina 6-solfatasi.

La sindrome di Morquio, definita anche Mucopolisaccaricosi IV, è una patologia da accumulo lisosomiale presente in due diverse forme: A e B, causate rispettivamente  dalla deficienza dell’enzima N-acetilgalattosamina-6-solfato e dell’enzima beta-D-galattosidasi. Tale deficienza enzimatica porta all’accumulo patologico di mucopolissacaridi.

La Mucopolisaccaricosi IVA è una patologia genetica causata dalla mutazione del gene GALNS ed è a trasmissione autosomica recessiva, con una prevalenza di circa 1/250.000.

Entrambe le varanti sono caratterizzate da displasia scheletrica e nanismo con tronco corto. La displasia sistemica delle ossa provoca l’insorgenza di condizioni di cifosi, scoliosi, ginocchio valgo e deformità delle ossa lunghe. I sintomi compaiono in età pediatrica ma durante la crescita si manifestano in maniera sempre più evidente.
Oltre ai sintomi scheletrici compaiono successivamente problemi neurologici e a carico di organi quali il fegato (epatomegalia), le orecchie (sordità) e gli occhi (opacità corneali).

Nel nostro Paese sono attivi enti a sostegno dei pazienti, come l’Associazione Italiana Mucopolisaccaridosi e Malattie Affini onlus (AIMPS onlus) e l’Associazione Italiana Sostegno Malattie Metaboliche Ereditarie onlus (aissme).



Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni