Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Orphanet Journal of Rare Disease la prevalenza dell’atassia di Friedreich in Norvegia è più bassa rispetto a quella dell’Europa centrale (1:20.000 - 1:50.000), ma superiore a quella indicata nell’ultimo rapporto norvegese, soprattutto a causa di influenze migratorie. Gli autori di questo studio hanno individuato ventinove pazienti con atassia di Friedreich in Norvegia, 23 dei quali erano di etnia norvegese, il che corrisponde ad una prevalenza di 1:176.000. La prevalenza più alta è stata riscontrata nel nord della Norvegia.

Lo studio si è basato su un campionamento trasversale di pazienti affetti da atassia di Friedreich in Norvegia, individuati attraverso i reparti di neurologia, pediatria e genetica, ricerche negli archivi ospedalieri, tra le associazioni dei pazienti e mediante il Centro nazionale per le malattie rare.
L’atassia di Friedreich è una malattia spinocerebellare a eredità autosomica recessiva, caratterizzata da atassia progressiva agli arti e durante la deambulazione a causa della perdita della propriocezione.

Leggi qui la notizia originale.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni