Uno studio clinico di Fase II, pubblicato su Movement Disorders, ha mostrato che l’eritropoietina carbamilata (CEPO), somministrata a pazienti affetti da atassia di Friedreich (FRDA) nel corso di un trattamento della durata di 2 settimane, è risultata sicura e ben tollerata. Non si sono però notate differenze rispetto al placebo nelle misure riguardanti l’outcome secondario di efficacia.

Per leggere l'articolo completo clicca qui.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni