Uno studio clinico di Fase II, pubblicato su Movement Disorders, ha mostrato che l’eritropoietina carbamilata (CEPO), somministrata a pazienti affetti da atassia di Friedreich (FRDA) nel corso di un trattamento della durata di 2 settimane, è risultata sicura e ben tollerata. Non si sono però notate differenze rispetto al placebo nelle misure riguardanti l’outcome secondario di efficacia.

Per leggere l'articolo completo clicca qui.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni