Ipofosfatemia

Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Buone notizie per chi è affetto da #HIV . Lo studio di Fase III BRIGHTE su fostemsavir in adulti con infezione da HIV-1 multitrattati, sono stati registrati miglioramenti nella soppressione virologica e nella risposta immunologica. I dettagli: bit.ly/2ZmSd6b pic.twitter.com/qaQw5fhbu8
About 24 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #Duchenne , sollevati dubbi di sicurezza sul farmaco golodirsen. L'azienda è già pronta a reagire e incontrarsi con Food and Drug Administration degli USA. bit.ly/2Hk6UfQ pic.twitter.com/lEpa6cQK2o
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Un team dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena ha pubblicato di recente, sulla rivista Journal of Neuro-Oncology, i risultati di uno studio in Fase II che mostrano i benefici di un chemioterapico su pazienti con glioma maligno in recidiva. #Cancro bit.ly/2NiVcGl pic.twitter.com/8mWd51boZx
2 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Le #malattierare sono tali solo singolarmente: in totale colpiscono oltre 350 milioni di persone in tutto il mondo, di cui circa la metà sono bambini. "Collaborazione" è il metodo più efficace per combatterle. L'approfondimento bit.ly/2ze3B5M pic.twitter.com/Uq9FkQt81v
2 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Buone notizie dall'Indianapolis (U.S.A.) per l' ultra-rara iperossaluria secondaria. Il farmaco sperimentale ALLN-177 è efficace e tollerabile in Fase II. Tutti i dettagli qui: bit.ly/33HUOqz pic.twitter.com/RtrAIqwj34
4 days ago.

Lo rivelano i risultati dello studio di estensione in aperto POISE: i marcatori di colestasi e danno epatico si sono stabilizzati e il farmaco non ha provocato eventi avversi gravi

Le conferme continuano ad arrivare, e tutti i dati vanno nella stessa direzione: per i pazienti con colangite biliare primitiva (CBP), l'acido obeticolico è sicuro ed efficace anche a lungo termine. Le ultime evidenze, pubblicate sulla rivista The Lancet Gastroenterology and Hepatology, giungono dai dati intermedi, a 3 anni, dello studio di estensione in aperto di Fase III POISE, della durata totale di 5 anni. Una sperimentazione che è stata condotta anche in Italia, presso il reparto di Gastroenterologia dell'Azienda Ospedaliera di Padova, l'Istituto Clinico Humanitas di Rozzano (Milano) e il Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche dell'Università di Bologna: fra gli autori dello studio, infatti, figura anche il prof. Pietro Andreone, dell'ateneo bolognese.

La colangite biliare primitiva è una rara malattia epatica cronica che colpisce circa 13.000 persone in Italia, per il 90% donne. L’attuale standard di trattamento è rappresentato dall'acido ursodesossicolico, ma una percentuale di pazienti (fino al 40%) non ha un'adeguata risposta, oppure è intollerante al farmaco. Per queste persone la prospettiva era quella di veder progredire la malattia: questo fino all'arrivo di una molecola che ha rappresentato il primo nuovo trattamento disponibile da quasi 20 anni per i pazienti europei con questa condizione: l'acido obeticolico.

Il farmaco, prodotto dall'azienda farmaceutica statunitense Intercept con il nome commerciale di Ocaliva, è stato approvato in Europa nel dicembre 2016 e nell'ottobre dell'anno successivo ha ottenuto in Italia la rimborsabilità da parte del Servizio Sanitario Nazionale.

Il giudizio favorevole degli enti regolatori si è fondato sui dati dello studio POISE, che nella fase in doppio cieco ha reclutato 217 pazienti con colangite biliare primitiva e intolleranza o risposta inadeguata all'acido ursodesossicolico. I partecipanti al trial hanno ricevuto un placebo oppure l'acido obeticolico in due dosaggi (l'uno che variava da 5 a 10 mg, l'altro da 10 mg), una volta al giorno per 12 mesi. Durante la fase di estensione in aperto, alla quale hanno preso parte 193 pazienti, le dosi del farmaco sono state variabili.

I ricercatori hanno valutato i marcatori di colestasi e danno epatico – la fosfatasi alcalina e la bilirubina diretta e totale – nonché la sicurezza fino a 48 mesi di trattamento. Queste analisi ad interim sono state effettuate nella cosiddetta “popolazione di sicurezza”, che comprende qualsiasi paziente randomizzato nella fase in doppio cieco che ha ricevuto almeno una dose di acido obeticolico durante l'estensione in aperto.

Le concentrazioni di fosfatasi alcalina sono risultate significativamente ridotte rispetto al basale dopo 12, 24, 36 e 48 mesi. Una stabilizzazione è stata notata sia per i livelli di bilirubina totale, con un cospicuo calo dopo 12 e 48 mesi, che per quelli di bilirubina diretta, con un cambiamento rilevante dopo 12 mesi; tuttavia, in altri momenti dello studio, queste riduzioni non si sono rivelate significative.

L'acido obeticolico è stato generalmente ben tollerato: gli eventi avversi più comuni sono stati il prurito, nel 77% dei pazienti, e l'affaticamento, nel 33% dei casi. Inoltre, non si sono verificati eventi avversi gravi correlati al farmaco: alla luce di questi nuovi dati, gli studiosi hanno concluso che il farmaco dev'essere considerato sicuro ed efficace anche dopo 3 anni di trattamento.

Articoli correlati



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni