Miastenia gravis, realizzato da ISTUD un volume di medicina narrativa

 “Narrare la Miastenia Gravis” sarà distribuito nelle sedi AIM e negli ospedali aderenti. Realizzato da ISTUD in collaborazione con Alexion 

Sono 46 le storie contenute nel libro  “Narrare la Miastenia Gravis”, un volume contenente le testimonianze di medici, malati e caregiver che raccontano la propria esperienza con la patologia, realizzato dall’Area Sanità e Salute di ISTUD, in collaborazione con Alexion, AstraZeneca Rare Disease e il supporto di AIM, l’Associazione Italiana Miastenia e Malattie Immunodegenerative Sezione Amici del Besta ODV.  L’opera, sarà disponibile nelle sezioni regionali di AIM su tutto il territorio nazionale e presso i centri che hanno partecipato all’iniziativa.

La miastenia gravis è una patologia rara autoimmune, cronica, debilitante, che interessa la giunzione neuromuscolare e causa perdita della funzione muscolare, portando a crisi miasteniche con potenziale esito fatale. Si stima che in Italia vi siano circa 12.000 pazienti miastenici, anche se un registro nazionale non è ancora disponibile. I sintomi più comuni della malattia sono la visione doppia, ptosi palpebrale, problemi alla masticazione e deglutizione, difficoltà ad articolare il linguaggio, affaticamento muscolare cronico e disturbi respiratori, nei casi più gravi si può manifestare una crisi respiratoria con necessità di ventilazione assistita. Se adeguatamente trattata la miastenia può permettere una vita relativamente normale, sebbene si tratti – nella maggior parte dei casi – di una patologia cronica con la quale è necessario convivere.

I sintomi della miastenia gravis possono fluttuare per intensità anche durante la stessa giornata – con periodi di remissione e ricadute – che rendono impossibili semplici attività quotidiane e la pianificazione di progetti personali e lavorativi.

“La qualità di vita del paziente miastenico è impattata notevolmente dalla malattia – spiega il dottor Francesco Habetswallner dell’UOC Neurofisiopatologia del Cardarelli di Napoli - La nostra sfida, come neurologi, è riuscire a fornire la cura ottimale, con il trattamento terapeutico più adeguato, oltre che col supporto emotivo e pratico alla gestione della malattia sia da parte del paziente che del caregiver. È fondamentale anche una valutazione che comprenda un attento e frequente monitoraggio dei sintomi per minimizzare eventuali effetti collaterali” aggiunge Francesco Habetswallner.

Il dialogo tra medico e paziente è cruciale perché solo dalla comprensione profonda delle esigenze di ogni malato, è possibile gestire la patologia e assicurare così un miglioramento della qualità di vita. “Nella valutazione clinica del malato – spiega il dottor Renato Mantegazza del Dipartimento di Neuroimmunologia e Malattie Neuromuscolari dell’IRCCS Besta di Milano e Presidente dell’associazione pazienti AIM – il neurologo utilizza scale di valutazione dei sintomi che molto spesso non tengono in considerazione gli aspetti emotivi e psicologici del paziente. Rappresenta un limite non indifferente poiché questi aspetti sono parte integrante della cura. Ecco perché un progetto di medicina narrativa come questo ci aiuta nell’avere una visione più completa dell’impatto della malattia sull’intero sistema familiare, premessa fondamentale per poter guidare l’implementazione di interventi di supporto adeguati e mirati per ogni situazione. Raccontare la propria storia e leggere esperienze simili a quanto si sta vivendo può avere ha una ricaduta positiva sia sull’accettazione della malattia sia sull’aderenza al trattamento”.

Sulla necessità di raccontare le esperienze di vita quotidiana e migliorare il dialogo tra medico e paziente che si inserisce “Narrare la Miastenia Gravis” progetto nato nel 2022 con l’obiettivo di realizzare un’attività di ascolto delle persone che vivono tale condizione e di chi si prende cura di loro, familiari e professionisti sanitari, con una raccolta sistematica di narrazioni dei loro punti di vista.

“La medicina narrativa offre ai malati uno spazio unico per esprimere e condividere le proprie emozioni ed esperienze. Uno strumento utile a riflettere sulla propria condizione. Attraverso le storie, il lettore può trovare nuovi modi per affrontare le sfide che la miastenia gravis può presentare. Non solo, il libro costituisce un vero e proprio supporto emotivo in quanto l’interazione con altri pazienti e famiglie che condividono esperienze simili può offrire un senso di comprensione, supporto e condivisione. La speranza è quella che il volume possa contribuire ad una maggiore conoscenza della malattia nella popolazione” racconta Marta Legnani, dell’Associazione Italiana Miastenia (AIM).

Nel libro “Narrare la Miastenia Gravis” si può trovare il racconto dello IERI, l’inizio, la comparsa dei primi sintomi, la ricerca di una diagnosi, i primi cambiamenti; il racconto dell’OGGI, attraverso il vissuto della malattia nella propria realtà quotidiana, per arrivare al DOMANI, cogliendo le aspettative, i progetti e le speranze. Un viaggio nel tempo che ha permesso non solo di comprendere l’evoluzione di una condizione cronica talvolta imprevedibile, ma anche le necessità e le risorse di chi vive con la patologia. “Attraverso la realizzazione di questo progetto abbiamo voluto fornire uno strumento per elaborare e prendere consapevolezza della propria condizione al fine di migliorare il benessere psicologico di chi vive con la miastenia gravis. Il libro però ha un’altra grande ambizione: contribuire a formare professionisti sanitari empatici e attenti alla dimensione umana del malato. Si tratta di caratteristiche fondamentali per instaurare una comunicazione efficace, per questo credo che la medicina narrativa debba essere integrata stabilmente nel percorso formativo di ogni medico” spiega Maria Giulia Marini di ISTUD.

“La nostra azienda – conclude Anna Chiara Rossi, VP&General Manager Italy presso Alexion, AstraZeneca Rare Disease- da trent’anni è impegnata nella ricerca, sviluppo e distribuzione di terapie innovative capaci di trasformare la vita dei pazienti con malattie rare e disturbi invalidanti e quella delle loro famiglie. Nel caso della miastenia gravis, una delle patologie su cui abbiamo concentrato i nostri sforzi, sappiamo che la malattia porta con sé un peso emotivo profondo che può portare ad isolamento, frustrazione e perdita d’indipendenza. È proprio da questa necessità di supporto, comprensione e consapevolezza che è nato l’impegno di Alexion nel supportare iniziative di valore per fare la differenza nella vita delle persone con miastenia gravis. Attraverso questo progetto abbiamo raccolto una straordinaria collezione di casi, ognuno dei quali offre uno sguardo sulle vite, le lotte e i traguardi di coloro che combattono quotidianamente la miastenia gravis. Queste storie sono potenti strumenti per promuovere consapevolezza, comprensione ed il dialogo tra gli operatori sanitari, i pazienti e la società.

 

Leggi anche

Miastenia, una malattia che non si vede, scarica la pubblicazione gratuita di Osservatorio Malattie Rare

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni