Fabry, pubblicati i risultati di pegunigalsidasi alfa

Nello studio BALANCE la nuova terapia enzimatica sostitutiva è stata confrontata con algasidasi beta

Parma – Chiesi Global Rare Disease ha annunciato la pubblicazione dei dati di Fase III dello studio BALANCE che valuta l’efficacia, sicurezza e tollerabilità di pegunigalsidasi alfa in confronto ad agalsidasi beta in pazienti adulti con malattia di Fabry trattati in precedenza con agalsidasi beta e con deterioramento della funzionalità renale. I risultati sono stati pubblicati sul Journal of Medical Genetics.

Pegunigalsidasi alfa, una terapia enzimatica sostitutiva (ERT) PEGilata, è una forma ricombinante dell’enzima alfa-galattosidasi A umano, espresso in colture di cellule vegetali, approvata negli Stati Uniti, nell'Unione Europea e in Gran Bretagna per il trattamento di pazienti adulti affetti dalla malattia di Fabry.

“Questo studio rappresenta una fonte importante di nuove evidenze cliniche poiché è il più recente studio randomizzato, controllato, in doppio cieco testa a testa fra terapie enzimatiche sostitutive nella malattia di Fabry”, afferma Antonio Pisani, professore di Nefrologia dell'Università degli Studi di Napoli Federico II. “I risultati hanno prodotto nuove evidenze di valore relative all’efficacia e sicurezza di pegunigalsidasi alfa confrontata con agalsidasi beta valutate per un periodo di trattamento di due anni”.

“C’è ancora una generale mancanza di conoscenza e una scarsa consapevolezza delle numerose e peculiari sfide che le persone con malattia di Fabry devono affrontare", dichiara Giacomo Chiesi, Responsabile di Chiesi Global Rare Disease. "Questo studio, che è il più recente clinical trial di ERT head to head, randomizzato, in doppio cieco, non si sarebbe potuto realizzare senza l’incredibile supporto dei ricercatori, dei pazienti e delle loro famiglie che hanno dedicato due anni della loro vita a questa importante ricerca per la cura della malattia di Fabry. Siamo orgogliosi di poter fornire alle persone che soffrono di questa patologia una opzione terapeutica ulteriore e continueremo il nostro impegno nei confronti dei milioni di persone che nel mondo soffrono di patologie rare”.

Lo studio BALANCE ha coinvolto 77 pazienti adulti affetti dalla malattia di Fabry con deterioramento della funzionalità renale (ossia una riduzione progressiva dell'eGFR superiore a 2mL/min/1.73m2/anno), precedentemente trattati con agalsidasi beta per almeno un anno (in media sei anni). I pazienti sono stati randomizzati in proporzione 2:1 per ricevere 1mg/kg di pegunigalsidasi alfa o agalsidasi beta ogni due settimane per due anni.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni