Approvazione emicizumab

Il farmaco potrà essere usato per la profilassi di routine in pazienti senza inibitori del fattore VIII e con fenotipo di sanguinamento grave

La Commissione Europea ha approvato l’estensione dell’Autorizzazione all’Immissione in Commercio di emicizumab: le nuove indicazioni ora includeranno la profilassi di routine degli episodi di sanguinamento nelle persone con emofilia A senza inibitori del fattore VIII, che soffrono di una forma moderata della malattia con un fenotipo di sanguinamento grave. L’emofilia A colpisce circa 900.000 persone in tutto il mondo, di cui circa il 14% presenta una forma moderata della malattia.

Mentre il trattamento e il percorso terapeutico delle persone con emofilia A grave sono ben delineati, sono disponibili meno informazioni e linee guida sulla profilassi per l’emofilia A moderata. Inoltre, la gravità dell’emofilia A, tradizionalmente misurata dai livelli di fattore VIII, non sempre riflette il comportamento dei sanguinamenti. Molte persone con emofilia A moderata potrebbero non ricevere trattamenti profilattici e potrebbero quindi presentare un quadro clinico peggiorato. Circa l’85% delle persone con emofilia A moderata sperimenta sanguinamenti entro un anno e uno su tre soffre di problemi articolari a lungo termine, molti dei quali richiedono un intervento chirurgico e incidono sulla qualità della vita.

La nuova approvazione di emicizumab si basa sui risultati dello studio di Fase III HAVEN 6, in cui il farmaco ha dimostrato un controllo efficace dei sanguinamenti, un profilo di sicurezza favorevole nelle persone con emofilia A non grave senza inibitori del fattore VIII, nelle quali la profilassi era clinicamente indicata. La decisione si è basata anche su dati “real-world”. Questa espansione delle indicazioni fornirà un’efficace e conveniente opzione di trattamento di profilassi con un profilo di sicurezza favorevole per i pazienti europei con emofilia A moderata con un fenotipo di sanguinamento grave.

“Accogliamo con favore la decisione della Commissione Europea di approvare emicizumab nella UE anche per le persone con emofilia A moderata, poiché anche moderata può provocare sanguinamenti che causano danni articolari irreversibili e incidono sulla qualità della vita”, ha affermato Levi Garraway, Chief Medical Officer di Roche e Head of Global Product Development. “Dal momento che i suoi benefici si estendono a un numero di pazienti più ampio, il nostro impegno resta quello di capire in che modo emicizumab possa aiutare un numero sempre più grande di pazienti con emofilia A a vivere una vita senza episodi di sanguinamento”.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni