Prof. Andrea GiustinaPer il prof. Andrea Giustina, appena eletto a capo della European Society of Endocrinology, occorre verificare i saperi acquisiti dagli specialisti nei rispettivi Paesi di provenienza, con un esame gestito dalla società scientifica

MILANO – Con più di quattromila soci, la European Society of Endocrinology (ESE) è la seconda al mondo dedicata a questa branca della medicina, dopo l'americana Endocrinal Society. Un onore e una responsabilità esserne diventato il presidente: ne è consapevole il prof. Andrea Giustina, Ordinario di Endocrinologia dell'Università Vita e Salute S. Raffaele di Milano, eletto a capo dell'ESE dopo una lunga e durissima competizione internazionale che ha coinvolto tutti gli endocrinologi europei.

“La European Society of Endocrinology, nel corso del tempo, si è trasformata: fino a 11 anni fa era una semplice aggregazione di società scientifiche nazionali con il nome di EFES, ora rappresenta tutti gli endocrinologi a livello europeo. Con un numero di soci in crescita, comprende 48 società affiliate e membri extraeuropei provenienti, ad esempio, da Stati Uniti, Australia e Paesi Arabi”, spiega Giustina.

Proprio pochi giorni fa si è concluso a Lisbona il Congresso Europeo di Endocrinologia: un evento di grandissime dimensioni, con più di 4.000 partecipanti e un totale di 1.880 comunicazioni da parte dei soci, fra presentazioni orali e poster: un numero così alto di contributi spontanei, per Giustina, dimostra la capacità attrattiva del congresso e la forza della ESE. Ampio spazio è stato riservato alle più diffuse malattie della tiroide, come l'ipo e l'ipertiroidismo, alle malattie metaboliche, agli adenomi ipofisari, al diabete e all'obesità. Ma il neo presidente ha fortemente voluto un'intera sessione, molto partecipata, sulle malattie ipofisarie rare.

Fra le relazioni più apprezzate, quella che ha anticipato i risultati di uno studio multicentrico italiano, non ancora pubblicato, con una numerosa casistica di pazienti affetti da carcinoma della tiroide e metastasi ossee. Approfondimenti anche sulla sindrome della sella vuota, un disturbo che coinvolge la sella turcica, una struttura ossea alla base del cervello nella quale ha sede l'ipofisi: ne ha parlato la prof.ssa Laura De Marinis, dell'Università Cattolica di Roma. La dr.ssa Anna Maria Formenti, dell'Università degli Studi di Brescia, invece, ha esaminato i legami esistenti fra due patologie rare, l'osteogenesi imperfetta e la sindrome di Ehlers-Danlos (Clicca qui per leggere l'intervista di OMaR alla dott.ssa Formenti).

“Partiamo da un presente florido, l'ESE rappresenta una realtà importante”, ha commentato il prof. Giustina. “Ora abbiamo due priorità: la prima è continuare a dialogare con tutti i partner istituzionali, con gli organismi europei e l'Agenzia del Farmaco. La seconda sarà omogeneizzare il curriculum degli specialisti in endocrinologia e procedere alla verifica dei saperi acquisiti nei rispettivi Paesi di provenienza, magari tramite un esame gestito dalla ESE: occorre che tutti condividano dei requisiti, in modo da facilitare gli interscambi a livello europeo. Questa certificazione – conclude il presidente – sarà seguita dalla consegna di un attestato, una sorta di passaporto endocrino europeo”.

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni