Il prossimo 6 Novembre si terrà presso l’aula meeting del Centro di Trials Clinici dell’IRCCS Fondazione G.B. Bietti il corso intitolato “Tecniche e metodi innovativi per la ricerca e cura delle patologie corneali invalidanti”. Il corso, rivolto al personale medico e tecnico impegnato nella cura delle malattie degli occhi, ha come scopo quello di trasmettere le nuove conoscenze e tecniche sviluppate di recente presso la Fondazione G.B. Bietti per la cura di due delle più gravi condizioni patologiche che colpiscono la cornea (la principale lente dell’occhio umano). Tali patologie includono il cheratocono, ad oggi prima causa di trapianto della cornea in Italia ed Europa nei giovani e negli adulti, ed il deficit di cellule staminali della cornea.

Il corso vedrà la partecipazione dei ricercatori che hanno preso parte a due progetti di ricerca finanziati con fondi del Ministero della Salute (GR-2010-236138) e della Comunità Europea (PON01_00110) e con il sostegno della Fondazione Roma. Tra gli Enti coinvolti nei progetti sono l’Istituto per i Processi Chimico-Fisici del CNR (CNR-IPCF), la Fondazione Banca degli Occhi del Veneto Onlus, il Dipartimento di Medicina Sperimentale dell’Università di Padova e l’Istituto di Scienze Fotoniche di Barcellona (Spagna).

Al corso verranno presentati per la prima volta i risultati della sperimentazione volta allo sviluppo di una cornea bioingegnerizzata impiegando cellule staminali della cornea e lenticoli corneali da donatore. Lo scopo del progetto è quello di superare gli attuali limiti delle tecniche di innesto delle cellule staminali su supporti inerti come la fibrina, che necessitano molto spesso di almeno due interventi eseguiti a distanza di un anno ed il cui successo nei pazienti è solo del 50%.

Verrà anche presentato il percorso progettuale, lungo 4 anni, che ha portato allo sviluppo di nuove tecniche chirurgiche per la cura del cheratocono. I relatori dimostreranno come la ricerca multidisciplinare sia un fattore indispensabile allo sviluppo di metodi e tecniche innovativi in Oftalmologia e come la collaborazione, sin dalle fasi iniziali del progetto, tra medici e ricercatori possa accelerare la traslazione dei risultati dal laboratorio alla sala operatoria con l’unico comune obiettivo di migliorare l’assistenza medica. Al termine del corso verranno presentati i risultati a sei mesi di follow-up di un protocollo di studio randomizzato (NCT02117999) concluso recentemente presso l’IRCCS Fondazione G.B.  Bietti in cui è stato valutato un nuovo metodo di cross-linking corneale per arrestare la progressione del cheratocono.

Il programma completo è disponibile a questo link.

Per partecipare è necessario compilare la scheda d'iscrizione scaricabile a questo link e inviarla secondo le modalità indicate all'interno della scheda stessa.

Per informazioni: 

Segreteria Scientifica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Articoli correlati

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Gli Equilibristi. Come i Rare Sibling vivono le malattie rare

Gli Equilibristi. Come i Rare Sibling vivono le malattie rare

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni