Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Per evitare che alcune forme di #lipodistrofia siano confuse con l’obesità, è importante che i medici sappiano riconoscere questa malattia. Guarda l'intervista al prof. Luca Busetto, del Dipartimento di Medicina dell’ @UniPadova youtu.be/zpq0vcYDutA
About 10 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #ScreeningNeonatale per la SMA: la sua importanza per la comunità dei pazienti Guarda l'intervista a @daniela_lauro presidente di @FamiglieSMA #GiochiamodiAnticipo Il VIDEO bit.ly/2KBkUnb pic.twitter.com/NO8kovwhCr
About 12 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Scarsa conoscenza da parte degli stessi medici, ritardo diagnostico e costi sociali enormi a carico dei pazienti. Riuniti a Messina i massimi esperti delle #Malattierare endocrino-metaboliche. bit.ly/35ik6vg
About 17 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare “Sono pochi i fondi per la ricerca sulle #malattierare , occorre una strategia condivisa.” Il messaggio lanciato da @francescapasi DG @Telethonitalia in occasione di una recente audizione alla Camera. bit.ly/2Kxd2Dr
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #SMA : buone notizie dalla Parte 2 dello studio clinico SUNFISH. I dati verranno condivisi con le autorità regolatorie di tutto il mondo e serviranno a supportare la richiesta di approvazione del farmaco. @famigliesma bit.ly/2NW98Wt
1 day ago.

Il piccolo libico ha preso parte alla sperimentazione del San Raffaele di Roma, ora sta bene.

Il quotidiano “La Repubblica” ha riportato, il 12 Luglio scorso, la storia di Mohammad, bambino affetto da leucodistrofia metacromatica. Mohammad è il terzo figlio di una coppia di Tripoli che, a causa di questa patologia, ha già perso una bambina. Nel 2008 la sorellina di Mohammad, Amadi, muore a causa di una malattia al tempo non diagnosticata, dopo un periodo di sofferenze che la costringono a letto. Dopo poco tempo anche l’altro figlio della coppia, Mustafa, inizia a mostrare gli stessi sintomi.

E’ così che i medici, quando la coppia mette al mondo il terzo figlio, decidono di prelevare un campione del suo DNA per sottoporlo a test genetico. Dopo 3 mesi arriva la diagnosi: il bambino soffre di una rara malattia genetica, la leucodistrofia metacromatica. Si tratta di una malattia neurodegenerativa, caratterizzata dall'accumulo di solfatidi (glicosfingolipidi solfatati, soprattutto, sulfogalattosilceramide o sulfogalattocerebrosidi) nel sistema nervoso e nei reni. La malattia progredisce nell'arco di pochi anni, fino allo stadio di decerebrazione, con decesso entro i 5 anni dalla comparsa dei primi sintomi.

La famiglia viene indirizzata verso un centro di riferimento olandese, dove Mohammad potrebbe sottoporsi ad un trapianto di midollo. Ma la coppia non possiede i mezzi economici per affrontare il viaggio e l’operazione e, nella disperazione, si trova costretta a rinunciare a questa possibilità.

Nel 2010, una nuova speranza: il centro olandese informa la famiglia di Mohammad che al San Raffaele di Roma è in fase d’inizio una nuova sperimentazione relativa alla malattia. La famiglia fa immediatamente domanda per partecipare e Mohammad viene accettato nel nuovo programma. Il progetto di ricerca prevede il reclutamento di bambini con meno di 1 anno e che non mostrino ancora la sintomatologia mentre Mohammad ha 14 mesi e inizia a zoppicare leggermente, ma viene comunque coinvolto nella sperimentazione.

Superato lo step iniziale, il piccolo inizia la terapia. Gli vengono inizialmente prelevate le cellule staminali ematopoietiche, dal midollo osseo dell’anca e queste vengono sottoposte, in laboratorio, a tecniche di ingegneria genetica. La terapia prevede, infatti, che vengano prelevate delle cellule staminali ematopoietiche, nelle quali viene introdotta una copia corretta del gene diffettoso coinvolto nella malattia, attraverso dei vettori virali derivati da HIV. Una volta re-infuse nell'organismo, le cellule così “curate” sono in grado di ripristinare la proteina mancante.

Per rendere possibile tale procedimento è prima necessario resettare il sistema immunitario e Mohammad è costretto a passare 20 giorni in isolamento prima della reinfusione delle cellule staminali. Dopo 7 mesi di ospedale, però, torna a casa vittorioso e i suoi genitori mettono al mondo un’altra bambina, perfettamente sana. La coppia, infatti, ormai consapevole della possibilità concepire un feto malato, si è sottoposta alla fecondazione assistita e alla diagnosi genetica dell’embrione prima dell’impianto in utero. La famiglia è segnata, però, da un altro lutto: la morte del figlio Mustafa.

Mohammad, oggi, non mostra altri sintomi oltre il lieve problema alla gamba, va all’asilo e conduce una vita normale. Torna in Italia una sola volta all’anno per sottoporsi ai controlli.

Per ulteriori informazioni sulla leucodistrofia metacromatica potete consultare Orphanet.

Articoli correlati



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 

Multichannel Project Partner

logo fablab

La partnership OMaR/CGM fablab ha come obiettivo l'ideazione e realizzazione di progetti di comunicazione, rivolti a pazienti, medici e farmacisti, che uniscano la competenza scientifica specializzata di OMaR agli esclusivi canali digitali di CGM.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni