L’ennesima denuncia arriva da una recente interrogazione parlamentare

I nuovi LEA, Livelli Essenziali di Assistenza, sono stati aggiornati nel 2017. Molto attesi dai pazienti, dai malati rari in particolare, hanno apportato notevoli cambiamenti sul fronte delle esenzioni, ma e soprattutto l’aggiornamento della specialistica ambulatoriale e del nomenclatore tariffario delle protesi e degli ausili. Tuttavia, sono passati ormai due anni e, di fatto, i nuovi LEA sono entrati in vigore solo parzialmente.

Ancora non è possibile per i pazienti ottenere gli ausili del nuovo nomenclatore e si vedono negati strumenti indispensabili per la vita quotidiana (dalle carrozzine ai software per la comunicazione, dagli apparecchi acustici alle protesi). Le ASL, infatti, continuano a garantire solo prestazioni e ausili dettagliati nel nomenclatore precedente.

Il 31 gennaio 2019 è stata presentata alla Camera dei Deputati l’ennesima interrogazione parlamentare sul tema. L’interrogazione – presentata dal dall’On. Lorefice (M5S), Presidente della XII Commissione Affari sociali – riassume la situazione.

“Il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 12 gennaio 2017, all'articolo 64, stabilisce che, l'entrata in vigore delle disposizioni in materia di assistenza specialistica ambulatoriale e di alcune disposizioni in materia di assistenza protesica (e dei relativi nuovi nomenclatori) è subordinata alla preventiva entrata in vigore dei provvedimenti che dovranno fissare le tariffe massime per le corrispondenti prestazioni; nonostante il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 12 gennaio 2017 sia stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il 18 marzo 2017, da quasi due anni ancora non è stato pubblicato il decreto ministeriale recante le nuove tariffe”.

“Lo stato delle cose è rimasto sempre fermo", denuncia Lorefice. "Questo vuol dire che, fino a questo momento, le nuove prestazioni e gli ausili, di fatto, non sono erogabili dalle ASL e, nel frattempo, sono ancora erogati le prestazioni e gli ausili dettagliati nel precedente nomenclatore tariffario”.

È dunque tempo che il Ministro Grillo emani tempestivamente i rimanenti decreti attuativi del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 12 gennaio 2017 e stabilisca le nuove tariffe, al fine di rendere realmente fruibili i nuovi Livelli Essenziali di Assistenza.

Per approfondire l'argomento, leggi anche:
- “Malattie rare, quali ausili e prestazioni garantiti dai nuovi LEA?
- “Malattie rare, necessario provvedere all'aggiornamento dei LEA

 Sportello legale OMaR

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Malattie rare - Guida alle nuove esenzioni

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni