L’ennesima denuncia arriva da una recente interrogazione parlamentare

I nuovi LEA, Livelli Essenziali di Assistenza, sono stati aggiornati nel 2017. Molto attesi dai pazienti, dai malati rari in particolare, hanno apportato notevoli cambiamenti sul fronte delle esenzioni, ma e soprattutto l’aggiornamento della specialistica ambulatoriale e del nomenclatore tariffario delle protesi e degli ausili. Tuttavia, sono passati ormai due anni e, di fatto, i nuovi LEA sono entrati in vigore solo parzialmente.

Ancora non è possibile per i pazienti ottenere gli ausili del nuovo nomenclatore e si vedono negati strumenti indispensabili per la vita quotidiana (dalle carrozzine ai software per la comunicazione, dagli apparecchi acustici alle protesi). Le ASL, infatti, continuano a garantire solo prestazioni e ausili dettagliati nel nomenclatore precedente.

Il 31 gennaio 2019 è stata presentata alla Camera dei Deputati l’ennesima interrogazione parlamentare sul tema. L’interrogazione – presentata dal dall’On. Lorefice (M5S), Presidente della XII Commissione Affari sociali – riassume la situazione.

“Il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 12 gennaio 2017, all'articolo 64, stabilisce che, l'entrata in vigore delle disposizioni in materia di assistenza specialistica ambulatoriale e di alcune disposizioni in materia di assistenza protesica (e dei relativi nuovi nomenclatori) è subordinata alla preventiva entrata in vigore dei provvedimenti che dovranno fissare le tariffe massime per le corrispondenti prestazioni; nonostante il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 12 gennaio 2017 sia stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il 18 marzo 2017, da quasi due anni ancora non è stato pubblicato il decreto ministeriale recante le nuove tariffe”.

“Lo stato delle cose è rimasto sempre fermo", denuncia Lorefice. "Questo vuol dire che, fino a questo momento, le nuove prestazioni e gli ausili, di fatto, non sono erogabili dalle ASL e, nel frattempo, sono ancora erogati le prestazioni e gli ausili dettagliati nel precedente nomenclatore tariffario”.

È dunque tempo che il Ministro Grillo emani tempestivamente i rimanenti decreti attuativi del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 12 gennaio 2017 e stabilisca le nuove tariffe, al fine di rendere realmente fruibili i nuovi Livelli Essenziali di Assistenza.

Per approfondire l'argomento, leggi anche:
- “Malattie rare, quali ausili e prestazioni garantiti dai nuovi LEA?
- “Malattie rare, necessario provvedere all'aggiornamento dei LEA

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni