Il 30 Luglio scorso l’Agenzia Italiana del Farmaco ha approvato la rimborsabilità del nuovo anticoagulante orale rivaroxaban per il trattamento dell’embolia polmonare (EP) in fase acuta. Il farmaco era già stato riconosciuto rimborsabile per il trattamento della trombosi venosa profonda (TVP), delle recidive di TVP ed EP, per la prevenzione di del tromboembolismo venoso (TEV) nei pazienti adulti sottoposti a intervento elettivo di sostituzione dell’anca e del ginocchio. Rivaroxaban è attualmente rimborsato anche per la prevenzione dell’ictus nei pazienti affetti da fibrillazione atriale non valvolare.

Leggi la notizia completa su Pharmastar.

 

Articoli correlati

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Gli Equilibristi. Come i Rare Sibling vivono le malattie rare

Gli Equilibristi. Come i Rare Sibling vivono le malattie rare

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni