Milano – Per offrire nuove opportunità ai giovani ricercatori contrastando la 'fuga dei cervelli', e per contribuire a mantenere solida ed elevata la qualità della ricerca in Italia, Celgene annuncia il Celgene Research Award. L'azienda, nella cui mission è centrale da sempre l’attenzione alla ricerca, si unisce ad AIOM (Associazione Italiana Oncologia Medica), SIDeMaST (Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse), SIE (Società Italiana Ematologia) e SIR (Società Italiana Reumatologia) per premiare i 4 migliori progetti di ricerca con un grant di 25.000 euro l’anno ciascuno, per due anni. I progetti dovranno essere presentati entro il 15 settembre.

L’iniziativa, destinata a medici o biologi che abbiano meno di 40 anni, prevede l’erogazione di 4 grant da destinare ai migliori progetti di ricerca su artrite psoriasica, psoriasimieloma multiplo e carcinoma del pancreas. I progetti saranno valutati sulla base dell’originalità del progetto, rilevanza scientifica degli obiettivi e coerenza dei risultati attesi.

"L’Italia vanta un alto standard qualitativo nella ricerca e si distingue per il livello di innovazione in medicina. La ricerca italiana deve puntare da un lato sull’eccellenza dei ricercatori, che sanno competere e primeggiare per numero e qualità delle pubblicazioni scientifiche, e dall’altro sul ruolo cardine dell’industria, capace di produrre ricerca e innovazione. Per questo Celgene ha deciso di premiare la ricerca indipendente, sia clinica che di base, con il Celgene Research Award in aree terapeutiche chiave come infiammazione, immunologia, ematologia e oncologia”, afferma Jean-Yves Chatelan, Amministratore Delegato di Celgene S.r.l.

In Celgene c’è una grande attenzione alla ricerca. Solo nel 2015 Celgene ha investito quasi il 40% del fatturato in Ricerca & Sviluppo, risultando così l’azienda che ha utilizzato maggiori risorse in termini percentuali, tra quelle incluse nel '2016 EU Industrial R&D Investment Scoreboard' pubblicato dalla Commissione Europea.

In Italia, negli ultimi 9 anni, il gruppo Celgene ha condotto oltre 80 studi clinici, con investimenti per oltre 140 milioni di euro e più di 18.500 pazienti coinvolti. Inoltre, ha supportato in maniera non condizionante 92 studi accademici indipendenti. Tali risultati sono stati ottenuti grazie alla presenza di Centri di eccellenza e di importanti gruppi cooperativi, nonché alla qualità della ricerca in genere, testimoniata dalle numerose pubblicazioni di altissimo livello scientifico in diverse aree terapeutiche.

I ricercatori interessati a partecipare al Celgene Research Award dovranno presentare i loro progetti entro il 15 settembre 2017. La selezione dei 4 progetti vincitori, che riceveranno un grant di massimo 25.000 euro l’anno per due anni ciascuno, avverrà entro novembre 2017 e sarà effettuata da una commissione indipendente composta da 2 referenti per ciascuna delle Società scientifiche che hanno patrocinato l’iniziativa.

I progetti di ricerca presentati dovranno riguardare temi d’interesse per la medicina d’avanguardia quali: principali meccanismi patogenetici, alterazioni epigenetiche e possibili biomarker nell’artrite psoriasica e nella psoriasi; alterazioni genomiche mediante tecniche di diagnostica molecolare; alterazione dei meccanismi immunitari nella patogenesi e sviluppo del mieloma multiplo; ruolo dell’attivazione di pathway molecolari; interazione tra clone e microambiente nel mieloma multiplo; ruolo dello stroma, del sistema immunitario e di fattori bio-molecolari nella patogenesi e sviluppo della malattia nel carcinoma del pancreas.

Clicca qui per maggiori informazioni sull'iniziativa.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni