ROMA – Nel campo delle terapie avanzate, che consentono di avere a disposizione farmaci derivati da cellule e tessuti viventi, i risultati ottenuti dal nostro Paese testimoniano l'eccellenza della ricerca scientifica italiana in un settore che sta vivendo una fase di grande crescita e sviluppo. Ad illustrare il panorama della situazione è stato il presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi, durante il convegno 'Le terapie avanzate: un successo del made in Italy', evento che ha visto riuniti a Roma, presso il Tempio di Adriano, i principali protagonisti della ricerca e dell'industria farmaceutica.

Sul fronte dei medicinali biotecnologici, “sono ben 27 le novità in arrivo: 6 già approvate e, di queste, sono orgoglioso di dire che 3 sono frutto della ricerca italiana. E' infatti italiano il primo farmaco a base di staminali, è italiano il primo farmaco di terapia genica ed è italiano il primo farmaco di origine tissutale”, ha sottolineato Scaccabarozzi.

Per il presidente degli industriali del farmaco siamo di fronte a “un processo importante. In generale ci sono 7mila nuovi farmaci in arrivo. Se poi guardiamo all'ambito delle biotecnologie, possiamo parlare di un vero e proprio 'rinascimento', un periodo straordinario. La ricerca, infatti, è diventata estremamente produttiva. E oggi siamo qui a parlare di terapie avanzate, che consentono di avere a disposizione medicinali che nascono da processi biotecnologici e che consentiranno, anche nel brevissimo periodo, di poter disporre di trattamenti personalizzati. Questo significa che ci sarà la possibilità di dispensare il farmaco giusto alla persona giusta, e di sapere in anticipo se una terapia funzionerà o meno”.

Per quanto riguarda le biotecnologie, - ha continuato Scaccabarozzi - oltre ai 202 farmaci che sono già a disposizione, altri 324 arriveranno nei prossimi anni. Ecco perché parliamo di 'rinascimento'. La ricerca si era un po' impoverita una decina di anni fa. Oggi, grazie a nuovi impulsi e investimenti, assistiamo a questo straordinario momento”.

“La ricerca farmaceutica biotech - ha spiegato Eugenio Aringhieri, presidente del Gruppo biotecnologie di Farmindustria - è il collante tra presente e futuro. Con l'ingegneria tissutale, la terapia cellulare e la terapia genica, hanno possibilità di essere trattate numerose patologie, come quelle cardiovascolari, ematologiche, dermatologiche, infiammatorie, autoimmuni, neurologiche, muscolo-scheletriche, oncologiche e urologiche. E dei 27 progetti in sviluppo, molti sono nelle ultime fasi, specialmente nel campo della terapia genica e cellulare. A beneficio della qualità della vita delle persone affette da malattie rare”.

“I risultati straordinari raggiunti nelle terapie avanzate - ha concluso Scaccabarozzi - sono frutto di un network hi-tech di Ricerca e Sviluppo tra pubblico e privato. Le aziende che operano nel Paese, sia nazionali che multinazionali, sono diventate leader nel settore anche perché possono contare su una serie di eccellenze del mondo scientifico e accademico. Una collaborazione che può innescare un circuito virtuoso per attrarre investimenti. Garantire la stabilità normativa, consolidare i fondi per farmaci innovativi, come fa la legge di Stabilità 2017, e cambiare strutturalmente la governance, sono le basi perché le potenzialità presenti trasformino l'Italia in un 'hub' dell'innovazione”.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni