La conferma arriva da uno studio francese che ha coinvolto 16 pazienti

PARIGI – La terapia con leptina umana ricombinante (metreleptin) ha dimostrato di migliorare l'iperglicemia, la dislipidemia e la sensibilità all'insulina nei pazienti con sindromi lipodistrofiche, ma i suoi effetti sulla secrezione di insulina fino ad oggi risultavano controversi. Ora un gruppo di ricerca francese ha usato il metodo dinamico del clamp euglicemico iperinsulinemico per misurare la secrezione di insulina, al basale e dopo un anno di terapia con metreleptin, in 16 pazienti con lipodistrofia, diabete e deficit di leptina. I risultati dello studio sono stati pubblicati recentemente sulla rivista Diabetes, Obesity and Metabolism.

I pazienti, con un'età media di 39,2 anni, presentavano lipodistrofia parziale familiare (11, di cui 10 donne) o lipodistrofia congenita generalizzata (5, di cui 4 donne). Nei valori medi, il loro indice di massa corporea (23.9 kg/m²), i livelli di emoglobina glicata (8,5%) e di trigliceridi sierici (4.6 mmol/L) sono notevolmente diminuiti dopo un mese di terapia con metreleptin, e in seguito sono rimasti stabili.

La sensibilità all'insulina (rilevata rispettivamente da 4 clamp iperglicemici e 12 clamp euglicemici-iperinsulinemici), la secrezione di insulina durante l'infusione graduale di glucosio (12 pazienti), e la risposta insulinica acuta al glucosio per via endovenosa (il “disposition index”, in 12 pazienti) sono risultati significativamente aumentati dopo un anno di terapia con metreleptin.

L'aumento nel “disposition index” era legato a una diminuzione della percentuale di grasso corporeo del tronco e totale. La terapia con metreleptin non solo migliora la sensibilità all'insulina, ma anche la secrezione di insulina nei pazienti con diabete attribuibile a lipodistrofie genetiche.

Articoli correlati

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni