Come ampiamente noto, l’indennità di accompagnamento per invalidi civili viene, di norma, sospesa in caso di ricovero a totale carico dello Stato per un periodo superiore a 29 giorni. Questo è non solo quanto già noto ma anche quanto riportato sul sito dell’INPS nella pagina dedicata all’indennità di accompagnamento.

Tuttavia, recentemente, con il Messaggio numero 3347 del 26-09-2023 è stato lo stesso INPS a prevedere che l’indennità di accompagnamento sia corrisposta alla persona con disabilità anche in caso di ricovero in una Struttura ospedaliera, pubblica o convenzionata con il Sistema Sanitario Nazionale, per un periodo superiore a 29 giorni, qualora la Struttura sanitaria non garantisca un’assistenza esaustiva.

Questo, precisa l’Istituto, rappresentava già un consolidato orientamento giurisprudenziale, a cui l’INPS va così a uniformarsi.

In particolare, - si legge nel comunicato diffuso il 23 ottobre scorso - l’indennità di accompagnamento non sarà sospesa qualora sia necessaria la presenza continua di un familiare o di un infermiere privato per attendere a tutti gli atti quotidiani della vita, nonché qualora la presenza dei genitori per l’intera giornata sia assolutamente necessaria per il benessere fisico e relazionale del minore, utile alla migliore risposta ai trattamenti terapeutici.

Al fine di semplificare e uniformare la gestione delle istanze dei soggetti interessati e assicurare la tempestività nell’acquisizione di tale idonea documentazione da parte dell’Istituto, è stata realizzata una nuova procedura telematizzata, che consente agli assistiti di comunicare all’INPS i periodi di ricovero in cui sussistono le condizioni sopra citate. Per continuare a percepire l’indennità di accompagnamento, dunque, il titolare - eventualmente per il tramite dell’amministratore di sostegno o il rappresentante legale - dovrà inviare una dichiarazione telematica all’INPS al termine del ricovero, accedendo al sito www.inps.it con la propria identità digitale o con delega (SPID almeno di Livello 2, CIE o CNS) e seguendo il percorso “Sostegni, Sussidi e Indennità” > “Per disabili/invalidi/inabili” > “Dichiarazioni di responsabilità e ricoveri indennizzati”.

La dichiarazione dovrà recare le date di inizio e fine ricovero e avere allegata una dichiarazione fornita dalla struttura sanitaria che attesti il carattere non esaustivo dell’assistenza ivi fornita. Non dovranno essere allegati ulteriori certificati, cartelle cliniche o ogni altra documentazione riguardante le patologie invalidanti.

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni