Legge di bilancio e Piano Nazionale Demenze

L’appello di Federazione Alzheimer Italia: “Una mancanza gravissima: è urgente intervenire subito per non lasciare sole un milione e mezzo di famiglie”

Nel testo della legge di bilancio 2024 non è previsto nessuno stanziamento di fondi per il Piano Nazionale Demenze. Mario Possenti, segretario generale della Federazione Alzheimer Italia e rappresentante della stessa Federazione al Tavolo permanente sulle Demenze, commenta così questa assenza: “Si tratta di una mancanza gravissima che apprendiamo con estrema delusione e anche con un certo stupore. Arriva infatti nonostante le rassicurazioni pubbliche da parte del Ministero della Salute sull’impegno per il rifinanziamento per il prossimo triennio”.

Nonostante il decreto che dispone la proroga al 31 marzo 2024 dei termini per il suo utilizzo, il fondo triennale di 15 milioni di euro stanziato nel 2021 si esaurirà nei prossimi mesi. Per quanto modesto, ha rappresentato comunque un primo passo fondamentale per permettere alle Regioni di avviare 31 piani di intervento nel campo della diagnosi e della presa in carico delle persone con demenza. “Ora questi passi avanti rischiano di essere gettati al vento perché il nostro Governo non ritiene importanti i bisogni e i diritti delle oltre 1.480.000 persone con demenza che vivono in Italia e quelli dei loro familiari e caregiver”, continua Possenti. “È dal 2014, anno di approvazione del Piano Nazionale Demenze, che ripetiamo, anche come membri del Tavolo permanente sulle demenze, che servono fondi per trasformare le belle parole del Piano in interventi concreti. Le Regioni devono poter proseguire con l’implementazione dei loro progetti, anche per risolvere una situazione a macchia di leopardo che non garantisce ovunque lo stesso livello di servizi. Devono essere messi in atto interventi nazionali, in grado di incidere veramente sulla qualità della vita di chi convive con la demenza”.

Tutto questo diventa ancora più importante alla luce del contesto internazionale, che ha visto negli ultimi tempi un rinnovato interesse per la ricerca intorno a questa condizione e l’affacciarsi sul mercato di nuovi possibili farmaci.

Attualmente il testo della legge di bilancio è all’esame della Commissione Bilancio del Senato, ed entro il 31 dicembre 2023 dovrà essere approvato da entrambe le camere. “Come associazione di familiari conosciamo bene il dolore, la paura e anche la rabbia che si possono provare quando arriva la demenza e ci si trova di fronte a una situazione di confusione e mancanze nell’assistenza e nel supporto. Per questo chiediamo con forza al Governo e a tutti i parlamentari di rimediare alla mancanza e intervenire perché sia garantito un finanziamento stabile e adeguato al Piano Nazionale Demenze. Insieme al nostro partner internazionale ADI-Alzheimer’s Disease International, abbiamo inviato una lettera al Ministro della Salute Orazio Schillaci, per ribadire questa necessità. Solo così sarà possibile sostenere concretamente le oltre 1.480.000 famiglie che oggi si trovano ad avere a che fare con la demenza e a tutte le altre che, in un numero sempre più grande, la dovranno affrontare nei prossimi anni. Non possiamo lasciarle sole”, conclude Possenti.

Il testo completo della lettera inviata da Federazione Alzheimer Italia al Ministro Schillaci è disponibile qui

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni