Ricerca

La sperimentazione, denominata BE SURE, ha raggiunto tutti gli endpoint primari e secondari

L’azienda biofarmaceutica UCB ha annunciato i risultati positivi dello studio di Fase III BE SURE, con controllo attivo. BE SURE ha confrontato bimekizumab, un inibitore sperimentale delle IL-17A e IL-17F con adalimumab, un inibitore del TNF per il trattamento della psoriasi a placche da moderata a severa in adulti. BE SURE ha raggiunto i gli endpoint co-primari alla settimana 16, dimostrando la superiorità di bimekizumab rispetto ad adalimumab nel raggiungimento di un miglioramento di almeno il 90% dello Psoriasis Area and Severity Index (PASI 90) e un punteggio di “clear” o “almost clear” per l’Investigator Global Assessment (IGA 0/1).

Lo studio BE SURE ha raggiunto anche tutti gli endpoint secondari con rilevanza statistica, tra cui una total skin clearance, misurata mediante PASI 100, superiore rispetto ad adalimumab alle settimane 16 e 24. Inoltre, bimekizumab si è rivelato statisticamente superiore rispetto ad adalimumab nella rapidità della risposta, definita come PASI 75 alla settimana 4. Durante il periodo di mantenimento dose-blind, i livelli elevati di skin clearance sono stati mantenuti fino alla settimana 56. La valutazione del profilo di sicurezza per bimekizumab è coerente con quello osservato durante i precedenti studi clinici. I risultati completi dello studio BE SURE saranno presentati in occasione di un congresso scientifico nel 2020.

BE SURE è il terzo studio di Fase III su bimekizumab che riporta risultati positivi. La comunicazione di questi dati segue quelle recenti degli studi BE VIVID e BE READY – che valutavano l’efficacia e la sicurezza di bimekizumab in adulti con psoriasi a placche da moderata a severa. Il profilo di sicurezza e di efficacia definitivo di bimekizumab non è ancora stato delineato e non è ancora stato approvato da alcun ente regolatorio.

Gli studi con controllo attivo sono fondamentali per una comprensione clinica e una scelta terapeutica adeguate in psoriasi. I risultati dello studio BE SURE hanno confermato la superiorità di bimekizumab rispetto a un inibitore del TNF ampiamente utilizzato in psoriasi e dimostrato il ruolo chiave dell’inibizione selettiva delle IL-17A e IL-17F,” afferma Kristian Reich, M.D., Ph.D., Center for Translational Research in Inflammatory Skin Diseases, Institute for Health Services Research in Dermatology and Nursing, University Medical Center Hamburg-Eppendorf and Skinflammation® Center, Hamburg, Germany, and BE SURE Lead Study Investigator.

“I risultati di BE SURE confermano i risultati positivi recentemente annunciati anche per gli studi BE VIVID e BE READY. UCB è impegnata a rispondere agli unmet needs dei pazienti adulti con psoriasi a placche da moderata a severa, in particolare in merito ad una skin clearance totale. I nostri studi di Fase III hanno mostrato che bimekizumab ha realmente il potenziale per fare la differenza per questi pazienti” afferma Iris Loew-Friedrich, Head of Drug Development and Chief Medical Officer, UCB.

Il profilo di sicurezza e di efficacia di bimekizumab è in corso di valutazione anche in artrite psoriasica (PsA), spondilite anchilosante (AS) e spondiloartrite assiale non-radiografica (nr-axSpA); i primi risultati per queste indicazioni sono attesi per la fine del 2021.

Leggi anche: “Psoriasi, bimekizumab ottiene risultati positivi nello studio di Fase III BE READY”.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni