Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Ritardo di sette anni della progressione della malattia per le persone con #sclerosimultipla primariamente progressiva (SMPP) e mantenimento di un basso numero di lesioni per le persone affette da sclerosi multipla recidivante. I nuovi dati sulla terapia: bit.ly/2yzmKl8 pic.twitter.com/kW4cAwry6T
About 21 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Francesco Cucuzza, consigliere #FedEmo , ha conosciuto i due mondi dell' #emofilia : quello precedente all'avvento dei nuovi farmaci e quello attuale, in cui i millennials “possono condurre una vita paragonabile ai giovani non emofilici”. #Haemodol bit.ly/2lo7G0h pic.twitter.com/VfrOgwyuhN
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Il dolore si può trattare correttamente e addirittura prevenire. Proprio per questo nasce il progetto #Haemodol , una nuova alleanza tra esperti: bit.ly/2MJR2EA Più del 50% dei pazienti con #emofilia convive col dolore cronico. Tutti i numeri in questa #infografica pic.twitter.com/yRmUlKIlsj
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Proprietà terapeutiche della #cannabis : @WHO avvia il percorso di revisione. Lo annuncia l' @ass_coscioni , presente alla sessione dedicata a Ginevra. bit.ly/2tgyxQ3 pic.twitter.com/Ag9and5rE2
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #Generationnow , cambiamento e evoluzione dei medici millennials nell’era dell’integrated care. Domani a Milano la presentazione del progetto ideato e sviluppato da @havaslifeitaly con il partner @IpsosItalia e realizzato con il supporto di @SanofiIT . bit.ly/2HYK7E3 pic.twitter.com/ycfXjVvF4V
1 day ago.

I risultati dettagliati dello studio CONFIRM presentati al meeting annuale 2012 dell’American Academy of Neurology

I risultati positivi dello studio CONFIRM – il secondo trial clinico di fase 3 teso a valutare il BG-12 (dimetilfumarato), somministrato per via orale, in soggetti affetti da Sclerosi Multipla Recidivante Remittente (SMRR) – sono stati divulgati in dettaglio in tre presentazioni durante il 64° meeting annuale dell’American Academy of Neurology (AAN) appena conclusosi a New Orleans.

L’ampia serie di dati clinici e radiologici raccolti nello studio CONFIRM dimostrano l’efficacia di BG-12, così come un profilo favorevole di sicurezza e tollerabilità. Questi dati - così come quelli dello studio DEFINE, il primo trial clinico di fase 3 su BG-12 - sono stati inclusi nel dossier registrativo inviato alle autorità regolatorie americana ed europea all’inizio di quest’anno.

“I risultati dello studio CONFIRM vanno a completare, confermandolo, il profilo che ha caratterizzato BG-12 per tutto il suo sviluppo clinico: ora disponiamo di solidi dati provenienti da due studi registrativi mondiali, di fase 3, controllati verso placebo, che hanno visto coinvolti più di 2.600 pazienti affetti da Sclerosi Multipla (SM)” ha dichiarato Douglas E. Williams, Ph.D., vice presidente esecutivo della Ricerca e Sviluppo di Biogen Idec, produttrice del farmaco. “Se approvato dalle autorità regolatorie, noi crediamo che BG-12 possa rappresentare una nuova importante opzione terapeutica orale per i pazienti affetti da SM.”

Lo studio CONFIRM è un trial clinico condotto a livello mondiale, randomizzato, in doppio cieco, controllato verso placebo, volto a determinare l’efficacia e la sicurezza di 240 mg di BG-12, somministrati due volte al giorno (BID) o tre volte al giorno (TID), in pazienti con SMRR. Lo studio ha incluso il glatiramer acetato (GA; 20 mg iniezioni sottocutanee giornaliere) come farmaco comparatore di riferimento. Entrambi i trattamenti attivi sono stati confrontati con placebo.
BG-12 ha raggiunto l’endpoint primario dello studio CONFIRM riducendo in modo significativo, rispetto al placebo, il tasso annualizzato di ricadute (ARR) del 44 per cento nel caso della dose BID e del 51 per cento per la dose TID (p<0,0001 per  entrambi i dosaggi) in un periodo di due anni. GA ha ridotto l’ARR del 29 per cento rispetto al placebo (p=0,0128) in un periodo di due anni.

Il farmaco ha soddisfatto l’endpoint clinico secondario sulle ricadute mostrando una significativa riduzione rispetto al placebo della proporzione di pazienti che hanno presentato ricadute a due anni del 34 per cento per la dose BID (p=0,0020) e del 45 per cento per la dose TID (p<0.0001). GA ha portato a una riduzione del 29 per cento (p=0,0097) nella proporzione di pazienti con ricadute nel confronto con il placebo nello stesso periodo di tempo.
In una coorte di pazienti, BG-12 ha inoltre raggiunto gli endpoint di risonanza magnetica (MRI), dimostrando un effetto significativo sulle lesioni cerebrali tipiche dell’SM.

Una riduzione nel numero di nuove lesioni cerebrali si è evidenziata entro il primo anno di trattamento e si è mantenuta per tutta la durata dello studio. A due anni versus placebo:
·         BG-12 ha ridotto il numero di lesioni iperintense in T2 nuove o più estese (endpoint secondario) del 71 per cento per la dose BID (p<0,0001) e del 73 per cento per la dose TID (p<0,0001), mentre GA ha portato a una riduzione del 54 per cento (p<0,0001).
·         BG-12 ha ridotto il numero di nuove lesioni ipointense in T1, non captanti, (endpoint secondario) del 57 per cento per la dose BID (p<0,0001) e del 65 per cento per la dose TID (p<0,0001), mentre GA ha portato ad una riduzione del 41 per cento(p=0,0021).
·         BG-12 ha ridotto la probabilità di avere più lesioni gadolinio positive (Gd+) (endpoint terziario) del 74 per cento per la dose BID (p<0,0001) e del 65 per cento per la dose TID (p=0,0001), mentre GA ha portato al 61 per cento di riduzione (p=0,0003).

“Finché non si troverà una cura per l’SM, c’è bisogno di nuove terapie indirizzate al trattamento di questa patologia disabilitante ” ha detto Robert J. Fox, direttore medico del Mellen Center for Multiple Sclerosis alla Cleveland Clinic e “principal investigator” dello studio CONFIRM. “I solidi risultati di efficacia e sicurezza che abbiamo osservato nello studio CONFIRM suggeriscono che BG-12 potrebbe rappresentare una positiva opzione terapeutica che va ad aggiungersi all’attuale paradigma di trattamento nell’SM.”  

I risultati dello studio CONFIRM hanno inoltre mostrato che BG-12 ha ridotto il rischio di progressione di disabilità, confermata a 12 settimane, misurata a due anni, sulla base della scala di valutazione EDSS (Expanded Disability Severity Scale), del 21 per cento per la dose BID (p=0,2536) e del 24% per la dose TID (p=0,2041) versus placebo, mentre GA ha ridotto il rischio di progressione di disabilità del 7 per cento (p=0,7036).

Per info: www.biogenidec.com.

 



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esentabili.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Amedeo Cencelli, 59 - 00177 Roma | Piva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni