Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare “Il mio viaggio nella #SLA ”, storie di pazienti in un percorso condiviso con esperti e familiari. Per l'autore Antonio Pinna «le battaglie più importanti riguardano l'assistenza, i fondi sono scarsi rispetto ai bisogni reali». bit.ly/2PQi7r5 pic.twitter.com/KHFOqktlmK
About 3 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare SAVE THE DATE Il 29 Ottobre si terrà il 3° #OrphanDrugDay " #FarmaciOrfani e SSN, storia di un circolo virtuoso" @MinisteroSalute , Roma Per maggiori info bit.ly/2S9tUSV pic.twitter.com/yomrOQH173
About 4 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Paula Morandi è affetta da #LHON , una #malattiarara che comporta gravi problemi alla vista. Recentemente è stata condannata per truffa ai danni perché considerata una 'falsa cieca'. Le dichiarazioni di Assia Andrao @retina_italia bit.ly/2PcWrbz pic.twitter.com/C6B0YJCAJw
About 7 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Conseguenze sulla sfera emotiva, fisica, e lavorativa. È quanto emerge dall’indagine mondiale che ha avuto come obiettivo quello di esaminare le esperienze di 1.050 #caregiver di persone con #sclerosimultipla . #MultipleSclerosis bit.ly/2yyfeV3 pic.twitter.com/MlSexmScEI
About 10 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare È finalmente disponibile una terapia per il #carcinoma a cellule di Merkel, un raro e aggressivo tumore della pelle. #TumoriRari bit.ly/2Pdq5ND pic.twitter.com/dw7N5aGrpE
1 day ago.

La policitemia vera è una patologia ematologica cronica, che non sempre viene riconosciuta e diagnosticata tempestivamente. La diagnosi della policitemia vera è però fondamentale per una corretta terapia. Il trattamento della malattia in stadio proliferativo si ottiene cercando di ridurre la massa eritrocitaria ricorrendo alla salassoterapia o a farmaci come l’interferone o l’idrossiurea. Le scelte terapeutiche devono essere però massimamente personalizzate, in funzione dei fattori di rischio per il paziente.

La a policitemia vera è infatti caratterizzata tipicamente da un elevato ematocrito (percentuale in volume di globuli rossi nel sangue intero), che può provocare un incremento della densità del sangue e un aumento del rischio di coaguli, oltre a conte elevate di globuli bianchi e piastrine. Tutto ciò può arrivare anche a causare gravi complicanze cardiovascolari (infarto e ictus).
“Il soggetto di età inferiore a 60 anni e che non sia mai incorso in eventi trombotici precedenti è considerato un paziente policitemico a rischio basso” – spiega il prof. Guido Finazzi, Responsabile Unità Semplice Malattie Mieloproliferative Croniche della U.O.C. di Ematologia dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, che aggiunge come in questo gruppo di pazienti la terapia preveda solo salassi e cardioaspirina. “Al contrario, i pazienti più anziani o che abbiano riportato un precedente evento trombotico, hanno un profilo di rischio trombotico più alto ed aggiungono alle terapie già citate il trattamento farmacologico citoriduttivo che in Italia è dato prevalentemente dall’idrossiurea”.

La scoperta di una precisa mutazione somatica a livello del gene JAK2 ha radicalmente cambiato la gestione clinica dei pazienti affetti da policitemia vera portando allo sviluppo di ruxolitinib (Jakavi®), un inibitore di JAK2 messo a punto da Novartis e che, secondo i risultati del trial clinico RESPONSE all’interno del quale è stato testato, ha prodotto un notevole risultato nel controllo dell’ematocrito e nella riduzione delle dimensioni della milza e dei sintomi del paziente, ad esempio, il prurito.

Ruxolitinib è entrato a far parte di questo contesto assumendo un ruolo da protagonista e producendo risposte significative e durevoli. Il farmaco è stato registrato secondo le indicazioni AIFA ed è indicato in seconda linea, nei pazienti resistenti o intolleranti a idrossiurea. Nella Gazzetta Ufficiale del 23 dicembre 2017 sono state pubblicate le nuove classi di rimborsabilità di ruxolitinib per pazienti con policitemia vera resistenti o intolleranti a idrossiurea e per quelli con mielofibrosi a rischio intermedio-1 (IPSS1).

 “Ruxolitinib nella policitemia vera entra in scena in maniera importante dal momento che ha un impatto sul lungo corteo di sintomi di cui i pazienti sono affetti – precisa la dott.ssa Alessandra Malato, della U.O.C. di Ematologia con Trapianto, Ospedali Riuniti Villa Sofia - Cervello di Palermo – Inoltre, sarà interessante valutare l’effetto che potrà avere sulla riduzione di fibrosi midollare, qualora fosse presente in fase iniziale, e sulla sopravvivenza globale”. Ruxolitinib si candida, quindi, a rappresentare la nuova e sofisticata risorsa con cui rafforzare l’armamentario terapeutico destinato a combattere questa neoplasia. La richiesta, anche da parte dei pazienti stessi, sta cominciando a crescere tanto che il farmaco è stato inserito in fascia H ed è già disponibile quasi presso tutti i centri. “Per quel che concerne la policitemia vera la rimborsabilità è stata approvata in tutta Italia, tranne nella regione Sicilia” – aggiunge Malato – “Mentre è già stato attivato anche in Sicilia l’allargamento della rimborsabilità alle fasce di pazienti con mielofibrosi a rischio intermedio-1, per quanto riguarda la policitemia vera sarà necessario attendere almeno l’inizio dell’estate per avere la completa rimborsabilità”.

Per saperne di più sulla diagnosi della policitemia vera leggi anche Policitemia vera, come si arriva alla diagnosi?



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esentabili.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni