Losanna - Second Sight Medical Products, Inc., Azienda che progetta, sviluppa e commercializza protesi visive impiantabili che permettono di ripristinare in parte la funzione visiva nei pazienti non vedenti, ha annunciato il successo del primo impianto e relativa attivazione dello stimolatore corticale visivo wireless in un soggetto umano, fornendo la “proof of concept” iniziale per il progressivo sviluppo della protesi corticale visiva Orion™ I (Orion I). Nello studio UCLA sostenuto da Second Sight, un paziente di 30 anni è stato impiantato nella corteccia visiva con un sistema di neurostimolazione wireless multicanale ed è stato in grado di percepire e localizzare i singoli fosfeni o macchie di luce, senza significativi effetti collaterali negativi.

Dr. Robert Greenberg, Presidente del Consiglio Direttivo di Second Sight, ha detto, "è raro che lo sviluppo tecnologico offra tali entusiasmanti possibilità. Questo primo test umano conferma che siamo sulla strada giusta con il nostro progetto Orion I per il trattamento di pazienti non vedenti che non possono beneficiare della protesi retinica Argus® II (Argus II). Questo successo iniziale in un paziente è un traguardo importante ed emozionante, anche se non include ancora una videocamera. Bypassando il nervo ottico e stimolando direttamente la corteccia visiva, Orion I ha il potenziale per ripristinare la visione utile nei pazienti resi completamente ciechi potenzialmente da una qualsiasi circostanza, tra cui il glaucoma, il cancro, la retinopatia diabetica, o traumi. Oggi queste persone non hanno alcuna terapia disponibile e Orion I offre loro una speranza, per aumentarne l'indipendenza e migliorare la loro qualità di vita. "

"Anche se abbiamo ancora molto lavoro da fare, questa prima conferma su una persona ci dà nuova energia per continuare i nostri sforzi per lo sviluppo  di Orion I", ha detto Will McGuire, Presidente e CEO di Second Sight. "Crediamo che questa tecnologia potrà, in sostanza, procurare una certa visione utile per i quasi sei milioni di persone nel mondo che sono non vedenti, ma non eligibili per l’impianto della protesi retinica Argus II. Restiamo inoltre concentrati sulla possibilità di sviluppare ulteriormente la nostra tecnologia Argus II per i pazienti con retinite pigmentosa, rendendola più ampiamente disponibile ed esplorando il suo potenziale per migliorare la capacità visiva di quasi due milioni di pazienti resi ciechi dalla degenerazione maculare senile in tutto il mondo."

Dr. Nader Pouratian, il neurochirurgo UCLA che ha eseguito l'intervento chirurgico, ha aggiunto, "sulla base di questi risultati, la stimolazione della corteccia visiva ha il potenziale per ripristinare la visione utile ai ciechi che è basilare per la loro indipendenza e per migliorare la qualità della loro vita."
Questo impianto è stato eseguito come parte di uno studio clinico di verifica tecnica il cui scopo è di dimostrare la sicurezza iniziale e la fattibilità della stimolazione della corteccia visiva umana. Il successo iniziale di questo studio, insieme al significativo lavoro pre-clinico consentiranno a Second Sight di presentare una domanda alla FDA nei primi mesi del 2017 per ottenere l'approvazione per condurre uno studio clinico iniziale del sistema completo di Orion I che include una videocamera e un paio di occhiali. Ipotizzando i primi risultati positivi nei pazienti e nel confronto con le autorità di regolamentazione, uno studio clinico decisivo ed esteso per le approvazioni nel mercato globale è dunque previsto.

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni