Turismo accessibile: interrogazione parlamentare

L’appello alla tutela dei diritti al trasporto aereo delle persone con disabilità, in Italia e all’estero, è rivolto ai Ministeri degli Esteri, Infrastrutture e Trasporti e Affari Europei

La storia di Giulio Cesarini, tredicenne con disabilità, e della sua famiglia ha fatto il giro di giornali e telegiornali nello scorso mese di agosto quando, di rientro da Glasgow, non hanno potuto imbarcarsi su di un volo Lufthansa, da Francoforte a Roma, perché sarebbe mancato “il personale della carrozzina”, nonostante sia stato regolarmente richiesto al momento della prenotazione.

Su questo gravissimo episodio di discriminazione, gli Onorevoli Simiani, Casu e Malavasi (PD) hanno presentato un’interrogazione al Ministro degli Esteri, al Ministro delle Infrastrutture e Trasporti e al Ministro per gli Affari Europei.

Rimasta a terra, la famiglia Cesarini, è stata costretta a pernottare in un albergo, senza nemmeno vedersi restituiti i famaci salvavita per l’epilessia del figlio, già imbarcati sul volo, e ricevendo invece un trattamento offensivo e vergognoso da parte del personale di terra della stessa compagnia.

Gli Onorevoli interroganti hanno dunque chiesto ai Ministri competenti quali provvedimenti urgenti intendano assumere per tutelare i diritti e la dignità della famiglia, in considerazione del fatto che il Regolamento CE numero 1107/2006 tutela tutti i passeggeri con disabilità allo scopo di prevenire ogni forma di discriminazione e di fornire un servizio adeguato alle loro specifiche esigenze. In questo caso è invece evidente come la compagnia Lufthansa abbia colpevolmente violato lo stesso Regolamento CE discriminando un passeggero, recando gravissimi disagi alla sua famiglia e mettendo addirittura a rischio la sua incolumità, privandolo dei farmaci salvavita.

“Trovo che sia incredibile e assurdo questo comportamento, - commenta l’On. Ilenia Malavasi - così come è spiacevole che il nostro Governo sia rimasto ancora in silenzio, mancando di mettersi al fianco di una famiglia italiana in difficoltà, che reclama le più che doverose scuse e i risarcimenti alla compagnia aerea, tedesca di bandiera. L’inclusione e l’accoglienza non si elemosinano, ma sono diritti da tutelare che promuoveremo sempre”.

Leggi anche: “Trasporto aereo persone con disabilità: l’odissea di Michela, malata di fibrosi polmonare idiopatica

 

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni