Il ministro Lorenzin: “Importantissimo che questo provvedimento venga applicato in tutte le Regioni con uniformità”

ROMA – I nuovi Livelli essenziali di assistenza (LEA), firmati dal premier Paolo Gentiloni lo scorso 12 gennaio (Clicca qui per scaricare il DPCM sui LEA del 12 gennaio 2017), hanno ora un organo che dovrà monitorare l’attuazione delle nuove disposizioni. La Commissione di monitoraggio dell’attuazione del DPCM di definizione e aggiornamento dei LEA, nominata dal Ministro Beatrice Lorenzin, si è infatti insediata il 10 maggio presso l’Ufficio di Gabinetto del Ministero della Salute.

Coordinata dal Direttore generale della programmazione sanitaria del Ministero della Salute, Andrea Urbani, è composta dal Capo della Segreteria Tecnica del Ministro, Nando Minnella, dal Comandante generale dei Carabinieri per la tutela della salute, Generale di divisione Claudio Vincelli, dal Direttore generale dell’AGENAS, Francesco Bevere, dal Direttore generale dell’AIFA, Mario Melazzini, e dal Presidente dell’Istituto superiore di sanità, Walter Ricciardi.

Fanno parte della Commissione anche i direttori dei tre Uffici della Direzione generale della programmazione sanitaria del Ministero della Salute rispettivamente competenti in materia di LEA (Ufficio 5, Silvia Arcà), di monitoraggio e verifica dell’erogazione dei LEA (Ufficio 6, Lucia Lispi) e di qualità, rischio clinico e programmazione ospedaliera (Ufficio 3, il cui direttore non risulta ancora essere stato nominato).

Il principale compito attribuito alla Commissione è quello di monitorare costantemente quale sia il livello di attuazione e implementazione dei nuovi LEA in tutte le Regioni italiane ed eventualmente di intervenire, mediante apposite verifiche – effettuate anche in collaborazione con i Carabinieri dei NAS – nelle ipotesi in cui si ravvisi una mancata, incompleta o scorretta erogazione dei nuovi livelli essenziali di assistenza.

L’attività della Commissione sarà, quindi, finalizzata a garantire che le disposizioni introdotte dal nuovo DPCM LEA siano effettivamente attuate, al fine di assicurare una completa e uniforme erogazione dei livelli essenziali di assistenza su tutto il territorio nazionale.

“Alla definizione dei nuovi LEA – ha dichiarato il Ministro Lorenzin – ci siamo arrivati dopo un iter molto complesso, che ha coinvolto tutti gli attori del sistema sanitario del Paese. Ci siamo riusciti noi dopo 16 anni di attesa e per me adesso è importantissimo che questo provvedimento venga applicato in tutte le Regioni con uniformità, perché è inaccettabile che un cittadino italiano trovi livelli diversi di assistenza e cura a seconda della Regione nella quale è nato o risiede. In ogni Regione ogni cittadino deve avere la migliore cura possibile. Con la Commissione di monitoraggio, il Ministero della Salute è pronto a intervenire anche in tutti quei casi in cui il cittadino segnalerà la mancata erogazione delle prestazioni e dei servizi previsti dai nuovi livelli essenziali di assistenza”.

Clicca qui per una sintesi delle disposizioni previste dai nuovi LEA.

Scarica QUI l'elenco delle malattie rare esenti (Aggiornato al 12 gennaio 2017).

 Sportello legale OMaR

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Malattie rare - Guida alle nuove esenzioni

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni