Valentina Tomirotti

La giornalista e attivista punta il dito sul rischio di alimentare un immaginario per cui la persona con disabilità che fa ‘cose normali’ deve far commuovere tutti 

“L'Eurovision è finito, l'Italia è arrivata quarta con Mengoni ma si è classificata al 1° posto nel podio d'onore della narrazione abilista diffusa, al momento dell’esibizione di Sam Ryder, da Gabriele Corsi, commentatore ufficiale dell’evento per la Rai insieme a Mara Maionchi”. È questo il commento a caldo di Valentina Tomirotti, giornalista pubblicista, social media manager e attivista nell’ambito della disabilità. Divenuta celebre online attraverso il suo Pepitosa Blog, Valentina è stata tra i protagonisti dell’edizione 2023 di #TheRAREside, la campagna di sensibilizzazione promossa da OMaR in occasione della Giornata Mondiale delle Malattie Rare.

L’episodio a cui si riferisce Tomirotti è accaduto durante la serata finale dell’Eurovision Song Contest, l’evento di riferimento europeo per il mondo della musica, tenutosi il 9-11-13 maggio scorsi a Liverpool, dopo che il Regno Unito è subentrato nell’organizzazione all’Ucraina, per via del conflitto in atto. Ad accompagnare la performance di uno dei beniamini di casa, Sam Ryder appunto, si è esibita una compagnia numerosissima di ballerini. Per chi se la fosse persa, il video della performance è disponibile a questo link. “La musica – commenta ancora Tomirotti – è stata messa in secondo piano in favore della coreografia di ballo che ha catturato subito l’attenzione del commentatore, il quale ha tenuto a mettere in luce, in modo finto aggressivo, che si esibivano sia ballerini “normodotati” (cit.) che ballerini “portatori di handicap” (cit.). Ma non è ancora abbastanza. Gabriele Corsi ha rincarato la dose di quella narrazione pietistica che piace molto al mondo standardizzato, affermando: ‘Se questo numero non vi commuove siete delle brutte persone’”.

L’accusa mossa dall’attivista è quella di alimentare un immaginario per cui la persona con disabilità che fa ‘cose normali’ deve far commuovere tutti, deve ispirare, motivare, deve essere eroica. “Non è accettabile che in un evento come l’Eurovision – prosegue Tomirotti – venga diffuso un messaggio così offensivo e stereotipato della disabilità, sia come esseri umani, sia come professionisti impegnati in una kermesse di quella portata. Non devono più esistere occasioni di comunicazione così fuorvianti e lontane dal rispetto dei diritti delle persone con disabilità. Il commentatore doveva badare meglio alle parole da utilizzare o cambiare il copione, ma non prestare il fianco a una narrazione di questo tipo: lesiva e discriminatoria”.

Le persone con disabilità su un palco – chiosa Tomirotti – sono professionisti come chiunque altro e non devono essere strumentalizzate come ‘merce empatica’ per far leva sulle emozioni del pubblico”.

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni