Carabinieri NAS

Tra i principi attivi l'antimalarico clorochina e gli antivirali lopinavir e ritonavir, proibiti dall'AIFA al di fuori degli studi clinici condotti in ambiente ospedaliero

Roma – Altri 11 siti web che commercializzavano presunti farmaci anti-COVID sono stati oscurati dai Carabinieri per la Tutela della Salute. I NAS, in stretta collaborazione con il Ministero della Salute, hanno dato esecuzione a ulteriori 11 provvedimenti “d'inibizione all'accesso emessi dalla competente autorità amministrativa, nei confronti di altrettanti siti web collocati su server esteri e con riferimenti di gestori fittizi, sui quali venivano effettuate la pubblicità e l'offerta in vendita, anche in lingua italiana, di medicinali sottoposti a particolari restrizioni all'utilizzo clinico”, riferiscono i NAS in una nota. “L'attività di monitoraggio telematico ha consentito di individuare piattaforme online che mettevano in vendita illegalmente una molteplicità di medicinali, tra cui alcuni con indicazioni asseritamente terapeutiche per il trattamento del COVID-19”.

Gli accertamenti hanno individuato l'offerta in vendita di medicinali a base dell'antimalarico clorochina e degli antivirali lopinavir e ritonavir, tutti principi attivi per i quali l'Agenzia Italiana del Farmaco ha confermato la sospensione dell'autorizzazione al trattamento COVID-19 al di fuori degli studi sperimentali clinici condotti in ambienti ospedalieri. I medicinali venivano espressamente presentati sui siti web oscurati facendo riferimento a non meglio precisati e referenziati studi di laboratorio che avrebbero dimostrato la loro efficacia nella cura del COVID-19. Nel corso delle verifiche i militari del NAS si sono imbattuti in due siti web già oggetto di oscuramento ma riproposti su altri indirizzi internet, circostanza che dimostra il continuo tentativo dei gestori di questi siti di eludere i controlli riproponendo i contenuti illeciti.

Il mercato web, infatti, come già emerso in precedenti controlli, è diventato un'importante fonte di commercio e approvvigionamento di farmaci ad uso umano, molto spesso non autorizzati, con claim accattivanti e vantanti proprietà in grado di prevenire e curare diverse patologie”, spiegano i NAS. “Nel rinnovare l'invito ad attenersi solo alle indicazioni fornite dagli organi ufficialmente preposti, consultando i relativi siti istituzionali, in merito alla crescente presenza di offerte sul web di farmaci non autorizzati o di dubbia provenienza è opportuno ribadire che la vendita e l'acquisto di medicinali con obbligo di prescrizione attraverso internet non solo sono sempre vietati dalla normativa italiana, ma sono soprattutto estremamente pericolosi per la salute”.

Non c'è certezza, infatti, né della reale composizione di questi prodotti, né delle corrette modalità di produzione e conservazione, né degli effetti che la loro assunzione può cagionare. È importante ricordare che l'offerta in vendita e la pubblicità dei medicinali senza obbligo di prescrizione possono essere effettuati online solo attraverso i siti di farmacie ed esercizi espressamente autorizzati, il cui elenco è consultabile sul sito del Ministero della Salute. L'attività di oscuramento dei siti web condotta nel mese in corso si va ad aggiungere a quella della scorsa estate, durante la quale i Carabinieri del NAS hanno proceduto a oscurare altri 60 siti.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Gli Equilibristi. Come i Rare Sibling vivono le malattie rare

Gli Equilibristi. Come i Rare Sibling vivono le malattie rare

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni