CanottaggioParte dal Lazio il progetto 'SPORT2FEEL', a cura della Onlus Primi Elementi

Roma, 26 giugno 2017 – Si chiama SPORT2FEEL ed è un innovativo progetto di riabilitazione post oncologica lanciato dalla Onlus Primi Elementi in collaborazione con la Federazione Italiana Canottaggio e l’Istituto di Medicina e Scienza dello Sport. L'iniziativa verrà presentata oggi a Roma, alle ore 19:00, presso il Salone della Sede Sociale del Reale Circolo Canottieri Tevere Remo (Lungotevere in Augusta, 28).

“Il canottaggio è uno sport unico per il suo contatto con l’acqua, per l’armonia dei movimenti, fluidi e costanti”, sostiene Michelangelo Crispi, ex atleta pluricampione del mondo e consigliere della Federazione Italiana Canottaggio. “Il canottaggio permette movimenti progressivi, mai traumatici, che coinvolgono l’intero corpo, senza gravare sui distretti muscolari o sulla schiena. Non ultimo si tratta di uno sport di squadra, estremamente cooperativo e non competitivo, e all’aria aperta, quindi indicato nel supporto psicologico e sociale”.

Il progetto SPORT2FEEL nasce con l’obiettivo di offrire il recupero funzionale dei pazienti con linfedema, e offre un sostegno sia fisico che psicologico per il recupero a 360° della persona, attraverso un percorso che accompagna il paziente. “La letteratura scientifica è ricca di articoli che indicano l’utilità dello sport nel trattamento del linfedema”, dichiara Dott.ssa Manuela Romagnoli, Presidente Onlus Primi Elementi e Neuropsichiatra e Psicoterapeuta. “Attraverso la Onlus vogliamo coinvolgere e motivare il maggior numero di pazienti. Lo scopo del progetto è la non medicalizzazione del paziente, il quale ha diritto a riprendere la sua vita senza sentirsi diverso, malato o in pericolo. Le convenzioni stabilite tra la Onlus e i vari partner permettono di offrire costi contenuti e sociali per tutti i servizi”.

Il linfedema è una malattia cronica, progressiva e debilitante che colpisce circa 40.000 persone ogni anno. Attualmente si registrano 140 milioni di persone affette da linfedema nel mondo. Inoltre, il trend di incidenza è in aumento, in conseguenza di una sempre maggiore sopravvivenza dei pazienti oncologici, grazie ai progressi in campo terapeutico e diagnostico. Il linfedema può avere anche un'origine genetica: per maggiori informazioni visita la nostra sezione Linfedema ereditario.

Alla cerimonia di presentazione del progetto, il Presidente dello storico sodalizio della capitale, Avv. Giuseppe Maria Toscano, saluterà gli ospiti, mentre Nicolò Cavalcanti di Verbicaro introdurrà il progetto quale responsabile delle attività sportivo-riabilitative del Circolo. Interverranno la Prof.ssa Marzia Salgarello, responsabile del centro per il trattamento del Linfedema, Fondazione Policlinico Universitario A.Gemelli, la Prof.ssa Ida Paris, del Day Hospital dei Tumori femminili del Polo donna della Fondazione Policlinico Universitario A.Gemelli, il Prof. Paolo Tondi, Presidente della società di Flebo Linfologia, il Dott. Roberto Bartoletti, coordinatore del servizio di riabilitazione oncologica e flebologica della Fondazione Luigi Maria Monti dell’Idi di Roma, il Dott. Giacomo Tartaglione, responsabile del servizio di medicina nucleare dell’Ospedale Cristo Re di Roma, la Dott.ssa Manuela Romagnoli, Presidente Onlus Primi Elementi, Neuropsichiatra e Psicoterapeuta, il Prof. Antonio Spataro, Direttore sanitario dell’Istituto di medicina e scienza dello sport, e il Dott. Michelangelo Crispi, ex atleta pluricampione del mondo e consigliere della Federazione Italiana Canottaggio.

Il progetto SPORT2FEEL trova la sua realizzazione nel percorso sulla terapia del linfedema e sulle patologie oncologiche, grazie all’unione di competenze e risorse per aiutare persone malate, cambiate nella funzionalità, nel proprio aspetto e nella propria mente, a ritrovare il piacere di sentire il corpo, di stare con altre persone, di non avere paura della malattia.

La Onlus Primi Elementi nasce dal concetto che i nostri primi elementi sono la mente e il corpo, ed è fondamentale per il benessere di una persona che lavorino insieme, che esista una armonia tra mente e corpo. lo sport e l’attività fisica costituiscono un modo per riappropriarsi di una armonia tra il corpo e la mente, di una sinergia che aiuti la persona a recuperare la propria vita e il proprio benessere.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni