Con un semplice 'like' si può donare il 'soccorso dei clown' ai bambini ricoverati in ospedale

Milano – C’è tempo fino al 17 settembre 2016 per mettere il proprio 'mi piace' al post 'Un sorriso per chi soffre', pubblicato sulla pagina Facebook di 'Biciclette contro il dolore'. In questo modo, sarà possibile contribuire alla donazione di giornate di 'Soccorso clown' negli ospedali pediatrici d'Italia. Supportata da Grünenthal Italia, azienda leader nella terapia del dolore, e in collaborazione con Fondazione ISAL, l’iniziativa è promossa da 'Biciclette contro il dolore', lo storico appuntamento in cui medici, farmacisti, operatori sanitari e membri di associazioni di pazienti salgono in sella per sensibilizzare l’opinione pubblica sul fondamentale diritto a non soffrire e sulle possibilità di cura del dolore garantite a tutti i cittadini.

Il dolore non deve essere accettato con rassegnazione, ma combattuto con le opzioni terapeutiche disponibili. Questo vale non soltanto per il paziente adulto, ma, soprattutto, per quelle categorie di soggetti particolarmente fragili, come i bambini, che spesso hanno difficoltà a descrivere la propria sofferenza e che pertanto scontano una situazione di maggior sottotrattamento. Nei piccoli pazienti che affrontano una degenza in ospedale, alla sofferenza fisica spesso si aggiunge quella psicologica, dovuta alla permanenza in un luogo non familiare.

'Un sorriso per chi soffre' è dedicato proprio a loro. Ogni 1.000 'like' raggiunti da questo post entro il 17 settembre, Grünenthal Italia donerà una giornata di 'Soccorso clown' a un ospedale pediatrico italiano, fino a un massimo di 10 giornate in altrettante strutture mediche. Grazie all'iniziativa, professionisti dell’arte del teatro e del circo potranno regalare un sorriso a questi pazienti speciali.

“Siamo molto orgogliosi del progetto 'Un sorriso per chi soffre', che quest’anno darà una marcia in più alla nostra storica iniziativa 'Biciclette contro il dolore', giunta alla sua quarta edizione”, commenta il prof. William Raffaeli, Presidente di Fondazione ISAL. “Il 17 settembre 2016 non sarà solo una giornata di sport in cui far sentire a tutti i pazienti alle prese con le diverse forme di dolore cronico che non sono soli nel proprio percorso di cura, ma anche l’occasione per informare l’opinione pubblica sul dolore dei più piccoli, troppo spesso sottodiagnosticato e sottotrattato”.

Thilo Stadler, General Manager South Europe and Nordics di Grünenthal, ha dichiarato: “La nostra azienda è da tempo impegnata in attività di responsabilità sociale. Riteniamo doveroso contribuire ad alleviare il dolore non solo sviluppando soluzioni terapeutiche innovative, in grado di rispondere alle esigenze di cura dei pazienti, ma anche con iniziative di sensibilizzazione e di promozione degli sforzi portati avanti da diverse organizzazioni non profit”.

Per ulteriori informazioni:
Marta Gentili (Grünenthal)                         
Cell: 335 6370245
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni