La sindrome di Marfan, una patologia genetica che colpisce il tessuto connettivo e che conta 2 casi ogni 10 mila abitanti per un totale di circa 15 mila pazienti in Italia, se riconosciuta in tempo può essere controllata.

Purtroppo però non sempre i medici sono preparati per la diagnosi ed è necessaria più informazione e formazione. “La sindrome di Marfan – spiega Maria Clotilde Recchia, responsabile dell'associazione di pazienti 'Vittorio', al margine dell'incontro per i 'Mediterranea Cardiac Surgery Symposia', in un articolo pubblicato da Adnkronos Salute il 31 marzo 2015  -  è una malattia genetica rara per cui non esiste una cura, ma solo la prevenzione: è quindi importante che ci sia tanta informazione tra i medici perché posano individuare tempestivamente un paziente. Ma anche informazione per i pazienti perché possano sapere dove sono i centri veramente specializzati. Purtroppo attualmente ce ne sono pochissimi in Italia, 5 in tutto. Quasi tutti a nord. Sarebbe bellissimo che ci fossero nuove strutture di riferimento, per esempio a Napoli, come ha annunciato la Clinica Mediterranea".

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni