Intanto in Italia effettuati i primi 8 impianti

La US Food and Drug Administration ha approvato il sistema Argus II Retinal protesi, il primo dispositivo impiantato per il trattamento di pazienti adulti con retinite pigmentosa (RP) in fase avanzata. Il dispositivo è composto da una piccola videocamera, un trasmettitore montato su un paio di occhiali, una unità di elaborazione video (VPU) e una protesi impiantata nella retina (retina artificiale). Sostituisce la funzione delle cellule degenerate nella retina (una membrana all'interno dell'occhio) e può migliorare la capacità del paziente di percepire immagini e movimento. La VPU trasforma le immagini dalla telecamera in dati elettronici che vengono trasmessi in modalità wireless alla protesi retinica.

 

"Questo nuovo dispositivo di assistenza impiantato chirurgicamente fornisce un'opzione per i  pazienti che hanno perso la vista a causa della Retinite Pigmentosa e per i quali non ci sono trattamenti approvati dalla FDA," ha dichiarato Jeffrey Shuren, MD, direttore del Centro della FDA per i dispositivi e la salute radiologica. "Il dispositivo può aiutare gli adulti con RP che hanno perso la capacità di percepire le forme e il movimento ad avere una maggiore autonomia nella mobilità e a svolgere le attività quotidiane"
Il sistema Argus II è destinato ad essere utilizzato negli adulti, dai 25 anni in su, con RP da grave a profonda ma che sono in grado di percepire la luce, anche se non la direzione da cui proviene, oppure che non hanno nessuna percezione della luce in entrambi gli occhi, e una storia precedente della capacità di vedere le forme. I pazienti devono poi essere anche in grado di seguire il follow up clinic e la successiva riabilitazione visiva . Di appena qualche giorno fa la notizia dei primi 8 trapianti di protesi retinica: sono stati eseguiti a Pisa http://www.osservatoriomalattierare.it/malattie-rare-della-retina/3668-a-pisa-i-primi-impianti-di-protesi-retinica-al-mondo-8-pazienti-con-retinite-pigmentosa-grave-recuperano-la-funzionalita-visiva presso il reparto di Chirurgia oftalmica dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria diretta dal Dott. Stanislao Rizzo.

Per ulteriori informazioni potete consultare il Comunicato FDA.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni