Mostra CMT

Organizzata in partnership con l’associazione ACMT-Rete sarà visitabile dal 26 ottobre al 10 novembre 2023 

Mostrare mani e piedi è spesso motivo di vergogna per chi ha la malattia di Charcot-Marie-Tooth CMT): la pessima conduzione nervosa causata da questa rara malattia dei nervi provoca deformità importanti alle mani e piedi di chi soffre di CMT, al punto che dare la mano o mostrare gambe e piedi può essere imbarazzante per alcuni. Per sfatare questo tabù e raccontare la diversità con un’altra dialettica e un altro sguardo, Aliteia, pseudonimo di Alice Babolin, ha realizzato una serie di opere in mostra a Milano.

THE BALLAD OF HUMAN MUTATIONS

Dal 26 ottobre al 10 novembre 2023, la Fabbrica del Vapore (Alveare Culturale) ospita a Milano la prima mostra personale di Aliteia, “The Ballad of Human Mutations”. L’esposizione, a cura di Alisia Viola, è stata organizzata in partnership con l’associazione ACMT-Rete (membro dell’Alleanza Malattie Rare) e in collaborazione con PROSSIMI Srl Impresa Sociale ETS. Il progetto artistico è incentrato sulla malattia di Charcot-Marie-Tooth, la più comune tra le neuropatie ereditarie ma, al contempo, una patologia rara e poco conosciuta, che è per l’artista la caratteristica comune della sua famiglia. L’arte diviene così veicolo di conoscenza e di trasformazione, ma soprattutto di bellezza, intesa come perfetto e costante equilibrio tra le imperfezioni.

“The Ballad of Human Mutations” vuole essere un manifesto di corpi-non-conformi volto a integrare nuovi valori estetistici nella società contemporanea. L’obiettivo del progetto è infatti quello di creare un mito rivoluzionario del diverso e del fragile a partire dal corpo: avere uno sguardo inedito per inglobare tutto ciò che risulta fuori standard in noi e viverlo come risorsa, cogliendone l’autentica bellezza dell’essere umano. Il fine, dunque, è quello di portare i codici della non-perfezione come nuovi valori di giudizio e sociali. 

La mostra vede l’unione e la contaminazione di svariate discipline che dialogano fra loro quali: la performance, la fotografia e la scultura. L’esposizione di 20 fotografie di medio-grande formato e un’installazione scultorea site-specific mostrano la bellezza, l’unicità e la forza di persone con CMT, corpi lontani dai modelli sia classici che contemporanei, mettendo a nudo le loro non-perfezioni, che sono maggiormente evidenti nelle deformità di mani e piedi, tipiche di questa malattia.

Le fotografie in mostra diventano la testimonianza di come ognuno possa avere il coraggio di superare la propria vergogna e vivere per quello che davvero si è, senza nascondersi. Grazie alla pratica artistica performativa, propedeutica al set in cui sono state realizzate le foto, Alice è riuscita a creare mediante un clima straordinario dove sentirsi pienamente liberi, mostrando il proprio mondo interiore ed esteriore senza confini e senza paura del pregiudizio. Attraverso fotografie, scultore e performance, Aliteia apre una visione inedita e inclusiva della fragilità come la via per essere sé stessi, intesa come l’autentica bellezza del singolo individuo e del mondo.

EVENTI SATELLITE DELLA MOSTRA

Durante la mostra, verranno organizzati due eventi satellite:

- un “cerchio”, esperienza di gruppo identica a quella che hanno fatto i modelli e le modelle con CMT prima delle riprese il 28/10/2023;

- un Open Day informativo sulla CMT e sulla mostra, dove diversi specialisti parleranno di questa rara neuropatia periferica e l’artista spiegherà il razionale della mostra e presenterà le sue opere il 4/11/2023. Per informazioni è possibile scrivere all’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

LA CHARCOT-MARIE-TOOTH IN MOSTRA

La CMT è la neuropatia ereditaria rara più frequente. Colpisce i nervi del sistema nervoso periferico, che veicolano gli impulsi motori e la sensibilità. A seconda del tipo di geni interessati (che differiscono nelle varie forme di CMT), viene progressivamente compromessa la funzione motoria, sensitiva e/o i riflessi. Partendo dai nervi più periferici del nostro corpo e progredendo nel corso del tempo, la malattia causa debolezza, perdita di sensibilità, e/o capacità di controllo dei movimenti, inizialmente ai piedi e alla parte distale degli arti inferiori e, successivamente, alle mani. L’esordio clinico può verificarsi precocemente, nell’infanzia o nella fanciullezza, o più raramente, in età adulta. Il risultato della mutazione genetica alla base della CMT è, dunque, l’alterazione del delicato equilibrio di forze tra muscoli e tendini di mani e gambe, che spesso causa la deformità di mani e piedi, sintomo caratteristico di questa malattia poco conosciuta.

INFORMAZIONI SULLA MOSTRA

“The Ballad of Human Mutations”: Mostra personale di ALITEIA, a cura di Alisia Viola

Date: 26 ottobre – 10 novembre 2023 (Press preview: mercoledì 25 ottobre dalle 11:00 / Opening: mercoledì 25 ottobre dalle ore 18:00 alle 21:00)

Luogo: Fabbrica del Vapore – Spazio Alveare Culturale (Via Giulio Cesare Procaccini, 4 – Milano)

Orari: da lunedì a venerdì ore 10-19, sabato e domenica ore 14-19.

Ingresso gratuito

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni