Il farmaco sviluppato da Biogen Idec e Sobi sembra essere sicuro ed efficace più a lungo

Un nuovo fattore di coagulazione per i pazienti affetti da emofilia A potrebbe essere presto disponibile. Ad annunciare i risultati positivi dello studio di valutazione A-LONG sono state Biogen Idec e Sobi, secondo le quali il fattore rFVIIIFc (una versione ricombinante del fattore VIII di coagulazione) si è dimostrato efficace nel controllo e nella prevenzione del sanguinamento, nella profilassi e nella gestione preoperatoria dei pazienti.


Il farmaco è stato generalmente ben tollerato, Biogen Idec prevede quindi di presentare una domanda di licenza Biologics (BLA) alla FDA statunitense nel primo semestre del 2013. Per la richiesta all’EMA le aziende dovranno invece attendere la conclusione dello studio sui pazienti pediatrici.
"Questi risultati top-line hanno dimostrato che rFVIIIFc ha il potenziale per migliorare la cura delle persone affette da emofilia A, offrendo protezione dal sanguinamento con un onere di trattamento ridotto", ha detto Glenn Pierce, MD, PhD., Vice presidente senior di Global Medical Affairs e responsabile medico del settore Biogen Idec emofilia terapeutico".

Questo fattore ricombinante è stato realizzato con una tecnologia nuova, la ‘Fc Fusion Technology Platform’, usando questo stesso processo le due aziende stanno anche sviluppando un Fattore IX della coagulazione. Ulteriori informazioni sullo studio e su questa nuova tecnologia a disposizione nel sito di SOBI.

 

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni