TORINO  - Il trapianto di midollo osseo potrebbe consentire la produzione del fattore VIII di coagulazione nei pazienti affetti da emofilia A. La speranza arriva da uno studio condotto presso dall'Albert Einstein College of Medicine di New York e coordinato da una ricercatrice italiana, Antonia Follenzi dell’Università del Piemonte Orientale.

Lo studio, pubblicato su Blood, è stato condotto sui topi. Gli animali affetti da emofilia A che hanno ricevuto un trapianto di midollo da animali sani hanno mostrato un efficiente processo di coagulazione grazie alla produzione del FVIII da parte delle cellule derivate dal nuovo midollo osseo.

Lo studio apre ora un nuovo spazio alla sperimentazione su pazienti umani, che potrebbe confermare questo risultato entusiasmante.

Articoli correlati

 Sportello legale OMaR

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

Speciale Vaccino Covid-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Malattie rare - Guida alle nuove esenzioni

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni