I sogni e le speranze dei bambini che lottano contro la distrofia muscolare di Duchenne/Becker, accompagnati da abeti colorati e renne piene di doni, sono i veri protagonisti dei biglietti d’auguri di Parent Project Onlus che consentiranno di contribuire alla ricerca scientifica e inviare un messaggio di speranza ad amici e clienti.


I bellissimi biglietti, infatti, sono stati disegnati da Ryan, che ha la passione per gli insetti e la storia e da grande vuole fare l’archeologo; Giovanni, che ha la passione per gli animali e da grande vuole diventare architetto; Jacopo, che ama le moto e le macchine; Federico che è appassionato di robot e vuole fare il disegnatore; Marco, che ama il calcio ed è grande tifoso dell’Inter; Alessandro che ha la passione per le costruzioni e i disegni di precisione e vuole fare l’ingegnere, Giordano, che ama stare in cucina e Anton, che ha la passione per il nuoto.

Quest’anno il Natale Solidale di Parent Project Onlus è ancora più straordinario perché, grazie alla Campagna “Vuoi fare una cosa bella?”, tantissime persone, in tutta Italia, stanno realizzando dei magnifici prodotti artigianali che si potranno trovare nei mercatini organizzati in varie località nel periodo festivo.
Inoltre, grazie alla generosità di alcune aziende che sostengono l’associazione, è possibile acquistare dei bellissimi regali solidali come ad esempio il lettore portatile Dikom, il cofanetto SmartBox o il Beauty Case Delsey.

Sulla pagina dedicata al Natale www.nataleparentproject.it si possono trovare tutte le informazioni per acquistare i biglietti d’auguri, avere maggiori dettagli sui regali solidali. Sul sito dell’associazione www.parentproject.it si possono cercare gli eventi natalizi o partecipare alla Campagna “Vuoi fare una cosa bella?” come volontario o come sponsor.

La distrofia muscolare di Duchenne e Becker è una malattia genetica degenerativa dovuta all’assenza di una proteina detta Distrofina. E’ la forma più grave tra le distrofie muscolari diffusa nei bambini perché si manifesta già intorno ai 2 - 3 anni di vita. La conseguenza clinica della distrofia di Duchenne/Becker è una progressiva diminuzione della forza muscolare con conseguente perdita delle abilità motorie. Attualmente non esiste una cura ma un trattamento multidisciplinare che permette di migliorare le condizioni generali e raddoppiare le aspettative di vita.

Parent Project Onlus, attiva in Italia dal 1996, lavora per accelerare il raggiungimento di una terapia e diffondere le migliori opportunità di trattamento necessarie per garantire la qualità della vita a migliaia di pazienti che, in Italia, sono affetti dalla grave malattia rara. Per sostenere i pazienti e le loro famiglie, dal 2002 ha aperto il Centro Ascolto Duchenne, una rete di professionisti che seguono direttamente circa 600 famiglie. Il CAD, che si può contattare attraverso il Numero Verde 800 943 333, ha sede in Lombardia, Piemonte, Toscana, Marche, Lazio, Puglia, Calabria, Sicilia, Sardegna.

Maggiori informazioni sui progetti nazionali è possibile riceverle telefonando alla sede nazionale di Parent Project Onlus al numero 06 66182811 o visitando il sito www.parentproject.it.

 

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni