I ricercatori hanno individuato un disturbo chiamato ‘acrogigantismo x – linked’ dove la crescita anomala avviene in età precoce

BETHESDA, ML (U.S.A.) – Un aumento della secrezione di ormone della crescita porta a gigantismo nei bambini e ad acromegalia negli adulti; le cause genetiche di queste due patologie sono poco conosciute. Un team internazionale di ricercatori, fra i quali alcuni italiani, ha eseguito studi clinici e genetici di campioni ottenuti da 43 pazienti con gigantismo e ha poi sequenziato un gene implicato nei campioni provenienti da 248 pazienti con acromegalia: lo studio è stato pubblicato sul New England Journal of Medicine.

È stata osservata una microduplicazione nel cromosoma Xq26.3 nei campioni provenienti da 13 pazienti affetti da gigantismo; di questi campioni, quattro sono stati ottenuti da membri di due parentele non correlate e nove da pazienti con casi sporadici. Tutti i pazienti avevano avuto un’insorgenza della malattia durante la prima infanzia. In nessuno dei pazienti con gigantismo non portatori di una microduplicazione Xq26.3, la malattia si è presentata prima dei cinque anni d’età.

La caratterizzazione genomica della regione Xq26.3 suggerisce che le microduplicazioni vengano generate durante la replicazione dei cromosomi e che contengano quattro geni codificanti proteine. Solo uno di questi geni, GPR101, che codifica un recettore accoppiato a proteina G, è sovraespresso nelle lesioni ipofisarie dei pazienti. È stata identificata una mutazione ricorrente nel gene GPR101 (p.E308D) in 11 dei 248 pazienti con acromegalia, con la mutazione trovata soprattutto nei tumori. Quando la mutazione è stata trasfettata in cellule GH3 di ratto, ha portato ad un aumento nel rilascio dell’ormone della crescita e alla proliferazione delle cellule che producono l’ormone.

Il disturbo pediatrico descritto – che i ricercatori hanno chiamato acrogigantismo X-linked (X-LAG) – è causato da una duplicazione genomica in Xq26.3 ed è caratterizzato da gigantismo a esordio precoce derivante da un eccesso di ormone della crescita. A provocare l’X-LAG, quindi, è probabilmente la duplicazione di GPR101. Gli studiosi hanno trovato anche una mutazione ricorrente in GPR101 in alcuni adulti con acromegalia.

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni