Equipe Parkinson - Ospedale Mondino Pavia

Il farmaco a base di foslevodopa/foscarbidopa viene infuso per via sottocutanea e permette un maggior controllo dei sintomi

Pavia - La Fondazione Mondino IRCCS si colloca nuovamente all’avanguardia nel trattamento dei disturbi della malattia di Parkinson. A pochi giorni dalla disponibilità in commercio, il farmaco a base di foslevodopa/foscarbidopa è stato somministrato per infusione sottocutanea a Pavia presso la Struttura Complessa Parkinson e Disturbi del Movimento, posizionandosi come la seconda struttura in Italia ad aver applicato questa innovazione terapeutica.

Sotto la guida della dottoressa Roberta Zangaglia, presso il Mondino, è stato scelto di trattare un paziente con malattia di Parkinson e fluttuazioni motorie. La somministrazione sottocutanea, infatti, presenta dei vantaggi per il paziente, poiché garantisce un controllo stabile dei sintomi, ed è particolarmente indicata per la malattia in fase avanzata con gravi fluttuazioni motorie poco controllabili con la terapia farmacologica orale.

La levodopa è considerata tra i migliori farmaci per il trattamento di questa patologia, ma le fluttuazioni delle concentrazioni plasmatiche del farmaco con la terapia orale sono spesso associate a un controllo insoddisfacente dei sintomi motori e allo sviluppo di movimenti involontari. La tecnologia innovativa della foslevodopa/foscarbidopa ha permesso per la prima volta l’infusione di levodopa per via sottocutanea, e questa via di somministrazione consente di migliorare il tempo di “on” senza discinesie e di ridurre le fasi “off” diurne e notturne. Questa nuova strategia terapeutica potrà migliorare la qualità di vita dei pazienti con malattia di Parkinson.

All’IRCCS Fondazione Mondino, per introdurre in tempi record questo nuovo farmaco tra le possibilità terapeutiche offerte ai pazienti con malattia di Parkinson ha lavorato insieme alla dott.ssa Roberta Zangaglia, direttore f.f. dell’Unità complessa, e al dott. Claudio Pacchetti, coordinatore del Centro Parkinson, un’equipe composta dai medici di reparto, dott.ssa Micol Avenali e Francesca Valentino, dai medici specializzandi, dott. Giorgio Belluscio, Luca Gallo, Simone Malaspina e Piefrancesco Mitrotti, e dagli infermieri dell’Unità Parkinson, coordinati dalla dott.ssa Cinzia Chionne.

 

 

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni