La leucemia linfatica cronica é una patologia caratterizzata dall’aumento continuo di particolari globuli bianchi (i linfociti) nel sangue, nel midollo osseo, nei linfonodi e nella milza. La leucemia linfatica cronica é la leucemia più comune tra la popolazione adulta dei Paesi occidentali, dove rappresenta il 25-30 per cento di tutte le leucemie. Colpisce più gli uomini delle donne, con un rapporto di circa 1.5-2:1. Il tasso di incidenza annua è di circa 2-6 nuovi casi ogni 100.000 abitanti. La cifra aumenta con l’età, sino a raggiungere 12.8 casi su 100.000 abitanti all'anno all’età media della diagnosi, ossia 65 anni. La leucemia linfatica cronica a cellule B è considerata un tumore raro.

Per ulteriori approfondimenti clicca qui.

Durante il congresso dell’American Society of Hematology (ASH), tenutosi a San Francisco dal 6 al 9 dicembre scorsi, sono stati presentati i risultati di uno studio di fase II secondo cui il farmaco Idelalisib in monoterapia mostrerebbe un’interessante attività anticancerosa in pazienti anziani affetti da leucemia linfatica cronica o piccolo linfoma linfocitico, naïve al trattamento.
Leggi la notizia completa su Pharmastar.

Secondo una notizia riportata da PharmaTimes, i pazienti affetti da Leucemia Linfatica Cronica (CLL) e Linfoma Follicolare (FL) hanno ottenuto l'accesso ad una nuova opzione di trattamento (in Europa) grazie all'approvazione del farmaco Zydelig (idelalisib) di produzione Gilead.
Relativamente alla leucemia linfatica cronica, il farmaco può essere utilizzato in associazione a Rituxan (rituximab) in pazienti che sono stati precedentemente sottoposti ad almeno una terapia. E’ stato inoltre approvato per l’uso in prima linea dei pazienti che mostrano una delezione del 17p o mutazioni TP53 e che non sono adatti a sottoporsi ad una chemio-immunoterapia.

Ibrutinib è un farmaco, sviluppato da Johnson & Johnson e dalla biotech Pharmacyclics, che appartiene alla categoria degli inibitori della tirosin-chinasi di Bruton (BTK).

Il Cjhmp dell’Ema ha dato parere positivo per ibrutinib per il trattamento dei pazienti con leucemia linfatica cronica (LLC) pretrattati con almeno una terapia e per il trattamento dei pazienti con linfoma a cellule mantellari.

Uno studio di fase II, pubblicato dal Journal of Clinical Oncology ad opera del Chronic Lymphocytic Leukemia Research Consortium, mostra che la combinazione di enalidomide e rituximab, farmaci non chemioterapici per il trattamento iniziale della leucemia linfatica cronica,  funziona ma non sembra migliorare i risultati ottenuti con i regimi standard, che comprendono la chemioterapia.

Secondo uno studio pubblicato recentemente su New England Journal of Medicine il farmaco ibrutinib sembrerebbe essere significativamente superiore a ofatumumab nella terapia di seconda linea rivolta a pazienti affetti da forme recidive di Leucemia Linfatica Cronica (LLC) o del Piccolo Linfoma Linfocitico (SLL).
I dati arrivano dallo studio RESONATE, un trial multicentrico di fase III di confronto testa a testa dei due farmaci.

Il Comitato per i Medicinali per Uso Umano (Committee for Medicinal Products for Human Use, CHMP) ha dato parere positivo all’approvazione di obinutuzumab in combinazione con clorambucile per il trattamento di pazienti affetti da leucemia linfatica cronica (LLC) mai trattati precedentemente.
Il farmaco, realizzato da Roche, è un anticorpo monoclonale anti-CD20 di seconda generazione, umanizzato e glicoingegnerizzato, che agisce legandosi selettivamente e con alta affinità alla proteina CD20 presente sulla superficie dei linfociti B, attivandoli e aumentando  la citotossicità cellulo-mediata.

L'FDA ha approvato l'uso di ofatumumab, in combinazione con clorambucil, come terapia di prima linea in pazienti affetti da leucemia linfatica cronica, nei quali la terapia a base di fludarabina risulta inappropriata. La notizia è stata resa pubblica da GlaxoSmithKline e Genmab.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni