Sono cominciati il 12 ottobre e scorso e proseguiranno fino al 14 dicembre prossimo gli incontro, nove in tutto, che fanno parte del ciclo formativo  “Alzheimer: dalla diagnosi all’aiuto concreto” destinati a familiari, volontari, operatori socio-sanitari e a tutti coloro che direttamente o indirettamente sono coinvolti nel prendersi cura delle persone colpite da Malattia di Alzheimer o demenze similari. Il corso, promosso dall’Asl 4  -Distretto numero 3 di Orvieto, si svolgono presso la sala riunioni dell’associazione Orviet’Ama all’ex caserma Piave di Orvieto.

Nel corso degli appuntamenti sono previsti interventi del direttore generale della Asl 4 Vincenzo Panella, della presidente dell’associazione Ama Umbria Goretta Morini e del direttore del Distretto 3 di Orvieto Marco Mattorre. Gli appuntamenti sono organizzati in collaborazione con Ama Umbria  - Associazione Malati di Alzheimer per approfondire i vari aspetti legati alla patologia e offrire una risposta qualificata ai pazienti, ma anche supporto ai familiari che si trovano a vivere una situazione quotidiana di grande difficoltà.
Geriatri, fisioterapisti, psicologi, assistenti sociali, consulenti ed esperti si confronteranno con gli operatori sanitari della Asl, familiari e volontari sulle numerose tematiche: disturbi comportamentali nelle demenze, clinica e terapia, aspetti riabilitativi, componenti psicologiche implicate alla malattia di Alzheimer, difficoltà e bisogni, sostegno ai pazienti e alle famiglie, diritti del malato, la rete dei servizi nel territorio. L’Alzheimer è la forma più comune di demenza che vede nelle alterazioni delle funzioni cerebrali superiori la progressiva incapacità del paziente nel condurre una vita  normale, con progressiva riduzione delle capacità relazionali e perdita della autonomia nel compiere le normali attività, proprie, della vita quotidiana.
La malattia degenerativa provoca il declino delle funzioni amnesiche e cognitive, si ripercuote sulla capacità di parlare e di pensare ma può causare anche altri seri disturbi, fra cui stati di confusione, cambiamenti di umore e disorientamento spazio - temporale. Di qui l’importanza dell’informazione e della formazione dei familiari come risorsa per migliorare la qualità di vita dei malati e promuovere la migliore risposta socio-sanitaria-assistenziale.


Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni